Da BarCamp nazionale a BarCamp locale

Il BarCamp è soprattutto un ottimo brand e un potentissimo tamburo di richiamo.
SecondLifeCampItaly (SLcamp), il primo BarCamp nazionale su Second Life, da me organizzato, lo dimostra con 50 presenze qualificate da tutta Italia (isole comprese).
Funziona molto bene il wiki BarCamp ed il coinvolgimento di ognuno nel promuovere l’evento (quasi esclusivamente in internet).
Ma un BarCamp non dovrebbe essere utilizzato solo per questo!

L’aspetto veramente innovativo è il concetto di non conferenza, del dover partecipare non passivamente come fruitori ma attivamente come costruttori. Il BarCamp da questo punto di vista è una rivoluzione come lo è stato il blogging rispetto alla precedente internet (quella dei navigatori/fruitori).
Molto particolare è anche l’atmosfera che si respira in un BarCamp.

L’unico limite di un BarCamp è che al momento è un evento di tipo internazionale, nazionale o al limite regionale che si effettua una volta all’anno.
E’ ovvio che un tale evento non può rappresentare una vera rivoluzione!

Il BarCamp dovrebbe trasformarsi in un evento periodico (massimo mensile) e locale!
Per questa ragione ho fondato la libera associazione rodigina di diffusione della cultura internet INTERDET e sto cercando di organizzare INTERDET: il primo BarCamp localizzato periodico.

Spero apprezziate la mia idea e non vi chiedo certo di partecipare all’evento rodigino ma di istituire altri BarCamp localizzati periodici e magari di consorziarli al nostro!

Leave a Reply