I video: google all’attacco

Il solito annuncio dimesso di Google dove si dichiare che ora si potranno nella sitemap segnalare anche i video.
Cosi come era successo per i kml sembrano annunci da poco, da prendere sottogamba.
Anche l’annuncio dell’adeguamento di google.it al look di google.com poteva sembrare cosa da poco.
Hanno solo messo una strisciolina in alto a destra!

Nel motore di Google non c’è niente e quel poco non può certo essere casuale!
Dove vengono messe le cose più importanti da Google?
Dall’alto in basso, da sinistra a destra (per noi occidentali che scriviamo e leggiamo in questo modo).
Quindi?
Quindi la fama (e i soldi) di Google arrivano sicuramente dal motore di ricerca tradizionale (Web), poi dalle immagini (jpg, gif, png e PicasaWeb), quindi dalle mappe (kml e Maps e Earth), News e Video!
Per i video non sono sufficienti Google Video, YouTube e Blogger (si può introdurre video direttamente da Blogger) ma si vuole arrivare a conoscere, con il maggior numero di informazioni, tutti i video sulla rete!

Guardate questo esempio riportato di sitemap
<urlset xmlns=”http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9″
xmlns:video=”http://www.google.com/schemas/sitemap-video/1.0″>
<url>
<loc>http://www.example.com/videos/some_video_landing_page.html</loc>
<video:video>
<video:content_loc>http://www.example.com/video123.flv</video:content_loc>
<video:player_loc allow_embed=”yes”>http://www.example.com/videoplayer.swf?video=123</video:player_loc>
<video:title>My funny video</video:title>
<video:thumbnail_loc>http://www.example.com/thumbs/123.jpg</video:thumbnail_loc>
</video:video>
</url>

Non è certo un esempio casuale. La scelta del formato flv, la completezza delle informazioni.
Tenendo presente inoltre che oggi tecnologie equivalenti a quelle di YouTube si possono implementare su qualsiasi sito e di conseguenza spesso può venire meno la necessità di introdurre a mano un video in un canale diverso dal proprio se non per dargli maggiore risalto!

3 Replies to “I video: google all’attacco”

Leave a Reply