Email marketing: strategia borderline

Vi descrivo questa nuova strategia di email marketing che potrei riassumere con non tutti gli errori vengono per nuocere.
Immaginate di ricevere un sms destinato in teoria ad un’altra persona:
Franco (ma io sono Fabrizio!) ti aspetto …
Qual è il primo impulso? Una risposta del tipo deve aver sbagliato numero …
Più il messaggio è importante più l’impulso è grande (devo avvisarlo perché se non si rende conto di aver sbagliato numero …).

Ecco i fatti:
La prima volta ho mandato un’email promozionale (dove si forniva la possibilità di provare gratuitamente un software) ad una lista ristretta di manager.
Su più di 100 invii vi sono state 3 conferme.
La seconda volta ho fatto un richiamo alla stessa lista ma per un banale errore tutte i messaggi iniziavano con Egregio XXXXX YYYYY (con al posto di XXXXX YYYYY sempre lo stesso nome e cognome).
Pur essendo un richiamo in 5 hanno risposto segnalandomi che vi era un errore nell’email visto che probabilmente non erano loro i destinatari corretti.
Immediatamente ho risposto trasformando un errore in una nuova strategia (non tutti gli errori vengono per nuocere):
Ops, nella fretta …
E’ interessato comunque a provare il nostro software xxxxxxxx?

Altre 3 nuove conferme 😉

Leave a Reply