Strumenti musicali del futuro

Non sono un esperto musicale, la mia esperienza diretta si riduce a qualche anno da ragazzo trascorso in una banda musicale di paese. Inizialmente suonavo il flicorno e facevo accompagnamento, poi mi ero stufato e, anche se probabilmente non ero all’altezza, mi avevano promosso a suonare la tromba (cornetta).
Non sono un melomane ed ascolto pochissimo la musica.
Se però confronto la musica con altre arti o altri settori sconvolti dalla tecnologia mi sembra un settore ancora relativamente tradizionale.
Gli strumenti dei musicisti sono i medesimi da 200 anni o più. Ed i musicisti più innovativi ed attuali sono sicuramente i DJ i quali non acquistano più i loro strumenti in un negozio fisico, bensi in un negozio di strumenti musicali online possibilmente con prezzi vantaggiosi.
Questo non vuol dire che la musica non sia cambiata e non vi siano innovatori musicali, anzi dai primi del novecento è tutta una ricerca ed una innovazione anche nella musica classica, ma la gran parte della produzione musicale è ancora fatta con strumenti tradizionali.
E’ vero che per quanto riguarda il suono, basta poco per cambiare completamente la sonorità di uno strumento: metallo, legno, sordine di diversa forma e componenti, …
E’ vero che con il computer oggi si ha in mano contemporaneamente orchestre, band, bande, cantanti, cori, … e si può decidere di “farli suonare” tutti assieme.

Però è bello chiedersi: come sarà lo strumento del futuro?
Non vorrei dover pensare solo ad un computer e quindi ad un’unica persona che lo suona e/o lo programma (un direttore d’orchestra o un disc jockey) ma ad uno strano strumento, uno strumento futuribile, uno strumento ancora suonato da musicisti e che richieda una speciale abilità.

Per questa ragione ero rimasto affascinato dal seguente video, con questi strani strumenti con molteplici lucine che si accendono e si spengono, strumenti che nell’immaginario collettivo potrebbero benissimo rappresentare lo strumento del futuro.

One Reply to “Strumenti musicali del futuro”

  1. Pingback: diggita.it

Leave a Reply