Capo Grande Tower a Capodistria di Massimiliano Fuksas

Gli esperti nominati dal Comune del litorale sloveno di Capodistria hanno scelto il progetto presentato dallo Studio Fuksas e dall’architetto sloveno Sandi Pirš per collegare la spiaggia di Giusterna al Monte San Marco.

Il progetto vincitore prevede una struttura a doppia ellisse leggermente inclinata verso il mare e in grado di superare il dislivello con un’altezza totale di circa 111 metri.
La torre diverrà da subito «un nuovo elemento simbolico della città».
La struttura ha anche un significato più profondo: la doppia ellisse protesa verso il cielo rappresenta infatti le due culture – italiana e slovena – che convivono nella città di Capodistria e in tutto il litorale. Una sorta di torre della pace tra l’est e l’ovest.
Di notte le due spirali intrecciate saranno illuminate creando, sulla cima della torre, un sottile fascio di luce di speranza, che si muove sopra il mare e la città.

La posizione, praticamente in riva al mare, farà della struttura non solo un mezzo pratico per i residenti per passare da Giusterna a Monte San Marco e viceversa, ma anche un importante attrazione turistica. Accanto alla torre è previsto un punto panoramico immaginato come una grande piattaforma denominata “Capo Grande” e destinata ad accogliere bar e ristoranti e a essere un punto di ritrovo sia per i residenti che per i turisti.

Capo Grande sarà raggiungibile attraverso un ponte lungo 100 metri, e dalle pareti in vetro, così da permettere la vista di ulteriori scorci sulla baia e sull’entroterra sloveno.
Oltre a evitare ai residenti di affrontare la ripida salita che separa oggi il mare dal colle, il complesso potrà essere usato per diverse attività ricreative. Si prevedono ad esempio scivoli, pareti di arrampicata, spazi per il bungee-jumping. Alla base della torre è prevista una vasta area ludica per bambini.
Si tratta di un progetto di riqualificazione dell’area che contribuirà a rendere effervescente la città alla stregua della vicina Trieste.

Leave a Reply