Postwar: poche sale, tanti capolavori

Ieri sono stato alla presentazione per la stampa di POSTWAR (Lucio Fontana, Piero Dorazio, Enrico Castellani, Paolo Scheggi e Rodolfo Aricò) al Peggy Guggenheim (Venezia).
Esposizione molto raccolta (poche salette 5 o 6) ma straboccante di capolavori ottimamente valorizzati.
Solo questa mostra meriterebbe il costo del biglietto del Peggy (per non parlare della collezione storica e delle sculture in giardino. Peccato che la terrazza non sia normalmente accessibile. Una mezz’ora in terrazza con vista sul Canal Grande e vista sul giardino con le sculture sarebbe impagabile).
Le meravigliose luci mi hanno permesso di scattare bellissime fotografie. Solitamente la mia macchinetta al chiuso (visto che non la so configurare) è penosa.
Capolavoro di Lucio Fontana
Lucio Fontana - Concetto spaziale - I quanta, 1960
Capolavoro di Piero Dorazio
Piero Dorazio - Durante l'incertezza, 1965
Capolavoro di Enrico Castellani
Enrico Castellani - superficie bianca, 1967 - dettaglio
Capolavoro di Paolo Scheggi
Paolo Scheggi - Intersuperficie curva dall'arancio, 1969
Capolavoro di Rodolfo Aricò
Rodolfo Aricò - Struttura-Structure, 1967

One Reply to “Postwar: poche sale, tanti capolavori”

  1. Pingback: Postwar: poche sale, tanti capolavori | Consulenza internet marketing | Internet Marketer | Scoop.it

Leave a Reply