Ho sentito alla radio lo spot speaknowforwork

"speak now" Ho sentito alla radio lo spot speaknowforwork.

Lo speaker usava un simpaticissimo italiano con un marcatissimo accento inglese.

Per un istante sono riemerse le indimenticabili telecronache di basket di Dan Peterson.

Oggi ho avuto modo di vedere la pubblicità ed ho capito che si trattava di “Speak now! For Work“, ovvero una collana di dvd e libri, del famoso corso Speak now, interamente dedicati al lavoro.

Il solito corso d’inglese!

In effetti l’ho pensato subito anch’io. Non è certo la prima volta che prendo un corso di inglese. Tutti promettono miracoli ma poi spesso si rivelano il TRIONFO DELLA NOIA.

Per non parlare di come ci si senta un perfetto demente, chiusi in una stanza, con le cuffie in testa, a ripetere frasi del tipo where is the pen? the pen is on the table!

Ovviamente non ho sotto mano Speak now! For work ma facendo qualche ricerca in internet ho trovato che l’autore è John Peter Sloan, (il cabarettista di Zelig) e ho provato a vedere su Youtube qualche puntata del precedente Speak now.

Non sembrano corsi di inglese!

L’argomento del primo cofanetto, in vendita il 9 gennaio con Repubblica o l’Espresso al prezzo incrementale di 4,90 euro, è come trovare il lavoro ideale. John Peter Sloan dispensa consigli utili per capire il mercato del lavoro, selezionare i tipi di lavoro più adatti ai propri desideri e preparare un curriculum con la relativa lettera di assunzione, grazie a storie esilaranti da seguire sul DVD.

 

Sebbene io sia restio ad imparare tramite corsi e non si può dire che le lingue siano il mio forte devo ammettere che questo stranissimo e personalissimo stile di fare corsi sicuramente raggiungono l’obbiettivo primario: inchiodarvi davanti al monitor impedendo l’insorgere di sbadigli!

Imparare l’inglese divertendosi non mi sembra poco!

Le gaffe sul lavoro o peggio in un colloquio di lavoro sono comuni a tutti (gli altri). Se ne avessi sentita qualcuna di particolarmente divertente potresti scrivermela nei commenti?

Tank you!

😉

Articolo sponsorizzato

Leave a Reply