Nel panorama automobilistico odierno, considerati i numerosi modelli di vetture ibride ed elettriche che sono stati prodotti e commercializzati negli anni precedenti, oggi si può avere un buon “ventaglio” di “quattro ruote” numeroso, se si vuole guidare un mezzo più ecologico ed a risparmio di carburante.

Proprio per questo motivo, ai giorni nostri, presso le Concessionarie Multimarca, specializzate nella vendita di auto usate, si possono trovare alcune occasioni che faranno risparmiare anche sul prezzo di acquisto, oltre che sul caro carburante…allora vediamo nel dettaglio le motivazioni che ci possono indurre all’acquisto di un modello che sia elettrico e che si distanzi poco dalle classiche auto a benzina e diesel, in termini di prestazioni.

Un automobilista “vero”, inteso nel senso più tradizionale del termine, appassionato alle “quattro ruote” che dispongono dei classici pistoni che “fanno rumore”, potrebbe avere delle remore a sedersi su una vettura elettrica con molti timori, magari anche in modo distaccato, perché i suoni che giungono dal motore sono pressoché inesistenti. Le aspettative potrebbero essere paragonate a quelle di provare del piacere con la cucina fatta tramite un forno a microonde, oppure con un tostapane, quindi decisamente limitate se paragonate ad esempio ad un sontuoso barbeque, ma con la BMW i3, tutto diverso, tradotto in pratica, bastano due curve ed un paio di semafori per rivalutare l’argomento e farsi una nuova idea sulle auto elettriche.

Una volta a bordo, sarà inutile ambire ad avere la pelle d’oca, come ad esempio su una dieci cilindri a V di una BMW M5, tuttavia questa automobile elettrica, riuscirà davvero a coinvolgere il conduttore che la guida, propriamente sotto tutti gli aspetti peculiari che il mezzo esprime. Per prima cosa si potrà notare da subito lo sterzo che risulterà pronto, sensibile e diretto, avrà un vero e proprio feeling con il guidatore, simile a quello di una Mini, inoltre, al tempo stesso vanta un’eccezionale diametro di volta per parcheggiare in una sola e semplice manovra. Ma l’aspetto che sorprende di più della i3 è sicuramente lo scatto, che in effetti per un’auto ad alimentazione tradizionale parrebbe tutt’altro che sbalorditivo se pensiamo alla potenza di 170 cavalli, invece evidenziando che si tratta di un’auto elettrica, allora i 7,26 secondi per passare da 0 a 100 km/h, sono un ottimo risultato.

Se lo scatto da ferma è inatteso per un’autovettura del genere, allora la progressione in movimento impressiona maggiormente, perché ad esempio, marciando su strada alla velocità di 60 chilometri all’ora, si schiaccia a fondo il pedale dell’acceleratore, la i3, attacca letteralmente al sedile il suo conduttore e sono sufficienti poche centinaia di metri per ritrovarsi alla massima velocità di150 km/h che sono, tra l’altro, limitati. Quando poi si “rilascia il gas”, è facile notare una peculiarità ulteriore, ovvero dover quasi resettare le proprie esperienze di guida e ripartire con un nuovo stile, infatti il motore elettrico, in rilascio, ricarica le batterie, proprio come tutte le ibride, ma il fatto veramente sorprendente è che questa può ricaricare con una potenza che arriva addirittura a 50 kW.

Dunque, negli stop and go del traffico, è sufficiente, quasi sempre, rilasciare il pedale del gas e basta, senza nemmeno toccare il freno, di fatti, si accendono gli stop senza che il pedale venga toccato: BMW definisce questa guida “one pedal feeling” che significa, in solido, che viene utilizzato solamente il pedale dell’acceleratore. Ma in caso di emergenza il freno funziona alla grande, infatti è stato registrato uno spazio di arresto pari a 36,5 metri viaggiando alla velocità di 100 km/h, un dato grandioso se rapportato alla sezione ridotta dei pneumatici dei quali dispone l’auto.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *