Disgusto nel maneggiare la carne: diventeremo vegani e mangiatori insetti (liofilizzati)

Prendo spunto da questo interessantissimo articolo Slowfood riportando alcune parti.

Da una ricerca Mintel: poco meno del 40% dei millennials (la generazione dei nati dopo il 1980) afferma di provare disgusto nel maneggiare la carne, contro una media globale di circa 1/4 degli intervistati.

Le buste, che adotteranno la catena di supermercati Sainsbury’s, permettono alle persone di strappare la confezione di carne e rovesciarla direttamente in padella senza toccarla

Inoltre vi è un crescente timore di intossicazioni alimentari, soprattutto riguardo al pollame: per prevenire la contaminazione c’è perfino chi spruzza spray antibatterico sul pollo prima di cucinarlo.

Molti giovani mangiano nei ristoranti e non cucinano. Non sono abituati e preferiscono siano altri a farlo.

Mi ricordo quando mia zia andava in pollaio, tirava il collo al pollo e poi lo spiumava. Mi ricordo quando da mia zia si uccideva il maiale, lo si appendeva, si tiravano via le setole e si recuperava tutto a partire dal sangue.
Queste scene che erano domestiche, ora sono vietate e sono tabù come la morte delle persone che avveniva normalmente in tutte le case.
A questo punto mi sembra quasi normale diventare tutti vegani o mangiatori di insetti (ma solo liofilizzati), per poi rimpiangere insaccati, pesci, ed i cibi più strani ma senza vedere la preparazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *