Confrontiamo i prezzi di una tratta equivalente di autostrada e di ferrovia per evidenziare una contraddizione italiana

Può l’ autostrada costare più del treno? è il primo di una serie di spunti di riflessione dal titolo Contraddizioni Italiane.

In alcune nazioni europee vi sono le vignette e le autostrade si possono pagare anche annualmente o in generale con abbonamenti. Di solito la cifra è abbastanza contenuta soprattutto se la usi spesso, può invece sembrare cara se ci pass una sola volta. Però chi passa una volta sola generalmente è un turista ed è nell’ottica di spendere, chi la usa spesso è di solito un pendolare o un lavoratore del settore.
Non so quale sia la strategia giusta e se sia stato giusto privatizzare le autostrade, sicuramente negli anni il costo non è certamente diminuito.

Prendiamo una tratta a caso e confrontiamo i costi presi da internet:
da Milano a Bologna il costo autostradale per auto e moto è di 15,20€.
Ovviamente in una automobile potrebbero viaggiare anche 5 o più persone, però quasi sempre ne viaggia una.
Il costo ferroviario da Milano (Centrale) a Bologna (Centrale) con regionali veloci è di 16,80€.
I treni veloci (frecce) solitamente costano di più ma per assurdo si possono trovare delle occasioni con Italo a 9,90€.

E’ corretto che prendendo il treno, viaggiando veloci e green si possa pagare meno del solo costo dell’autostrada?
Forse non è corretto ma la triste realtà italiana dice SI.

Forse l’infrastruttura ferroviaria è meno costosa dell’infrastruttura autostradale? L’asfalto ha costi di manutenzione superiori alle rotaie? Le stazioni costano meno dei caselli?

Automobile in 4-5 persone, car sharing e autobus

Ovviamente per una famiglia di 4-5 persone o utilizzando il car sharing (o nuove metodologie internet come BlaBlaCar) il mezzo più conveniente rimane ancora oggi l’automobile, nonostante gli elevati costi autostradali.

Anche viaggiando in autobus, ad esempio con Flixbus si possono contenere i costi e spendere meno. E’ la fine degli interrail e l’inizio degli interbus?

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *