Gli osservatori astronomici sono anacronistici?

Osservare il cielo è sempre più difficile dentro l’atmosfera.
Strumenti come Google Earth permettono di navigare e zoomare le zone di interesse della volta celeste a livelli irraggiungibili per qualsiasi telescopio non di primaria importanza e stando davanti al proprio computer.
Gli osservatori astronomici tradizionali sono anacronistici.

Venticinque anni fa spesso andavo al planetario di Milano ad ascoltare conferenze su quasar, buchi neri, …
Si guardava il cielo proiettato con il professore di turno che ti trasportava di qua e di là nella volta celeste.
Se la volta celeste fosse vera, musica di sottofondo di un trio jazzistico, in mano un bicchiere di bollicine e magari oltre a guardare il cielo lo sguardo potesse spaziare anche su colline vicine quanto meglio sarebbe?

Questa sera ore 21:30 CALICI DI STELLE: Osservazione astronomica con brindisi sotto le stelle.
Spero che aggiungano il trio jazzistico il prossimo anno 😉

www.osservatoriodelchianti.it

P.S. L’osservatorio astronomico del Chianti non è tradizionale 😉

One Reply to “Gli osservatori astronomici sono anacronistici?”

  1. Pingback: Gli osservatori astronomici sono anacronistici?...

Leave a Reply