L’italiano una lingua mondiale

Spesso mi son chiesto: ma esiste qualcuno al mondo interessato ad imparare come seconda (o terza o …) l’italiano?
Sicuramente le ex colonie sono veramente poche, poco significative e poco interessate ad avere contatti significativi. Anni fa al di là dell’Adriatico imparavano l’italiano per capire la nostra televisione con il miraggio di riuscire a venire da noi.
Altre motivazioni?
E’ la lingua mondiale della lirica. A noi sembra impossibile ma all’estero la lirica viene sentita anche da giovani, oltre che studiata.
E’ la lingua di Dante, sicuramente il nostro più conosciuto scrittore. Sicuramente lo è anche Collodi ma Pinocchio traducendolo non perde molto.
E’ la lingua di chi si innamora dell’Italia e dell’arte, sempre meno.
E’ la lingua della cucina, del vino, della dieta mediterranea, della moda, del made in Italy.

Vi è un nuovo forte impulso ed è arrivato da un’argentino: è la lingua della chiesa.

Forse vi sembreranno comunità piccole ma sono fortemente motivate e lavorandoci con passione …

Leave a Reply