La storia come la matematica

Se c’è una materia che generalmente non piace agli studenti quella è la matematica subito seguita dalla storia.
Ma forse non è un problema della matematica e della storia in se come materie ma di quelle metodologie classiche e asettiche di spiegazione di matematica e storia.
I giovani spesso le percepiscono come materie poco creative e troppo tradizionali.
Eppure, soprattutto per la storia, ci sono segnali che farebbero pensare al contrario.
Tra i maggiori libri di successo ci sono libri storici o perlomeno di ambientazione storica. Lo stesso discorso vale per le serie televisive.
Inoltre i festival storici e le rievocazioni sono spesso fenomeni di massa dove tutto il paese (città) partecipa attivamente e dove in alcuni periodi dell’anno si sentono solo tamburi.
Ad uno storico tradizionale si accapponerà la pelle ma bisogna prendere in considerazione che le vie per avvicinare i giovani alla storia e alle scienze sono molteplici ed anche quelle che ad un primo impatto possono sembrare banali possono sempre trasformarsi in strade maestre.

Il mio approccio con Giacomo Matteotti è stato banale, poco o niente sapevo di lui se non che costituisce il personaggio polesano principale. Ho semplicemente aperto un sito Giacomo-Matteotti.TuaRovigo.org che in breve tempo è diventato seguito ed ha creato interesse per una nuova via in grado, si spera, di avvicinare i giovani, con semplici informazioni, tante immagini, tanti disegni, di archivio e contemporanei, politici e non.
Da poco giorni è inoltre disponibile un gruppo facebook esclusivamente dedicato a Giacomo Matteotti facebook.com/groups/matteotti

La nuova storia è questa!

 Giacomo Matteotti gruppo facebook

One Reply to “La storia come la matematica”

Leave a Reply