Comunicazione di crisi (crisis management): mettere la faccia o far finta di niente?

Comunicazione di crisi (crisis management) è ovviamente in questi giorni la parola d’ordine. Da sempre le multinazionali americane hanno un gruppo  predisposto che in caso di qualsiasi tragedia/disgrazia aziendale è pronto ad intervenire tempestivamente.
La comunicazione in questi casi è delicatissima, non va improvvisata e richiede tempi di risposta velocissimi.
Richiede però una preparazione meticolosa, paragonatela alle esercitazioni scolastiche per i terremoti o gli incendi. Quando dovesse succedere ognuno sa come comportarsi, quasi istintivamente e senza chiedere a nessuno o aspettare l’indicazione di qualcuno.

Metterci la faccia o far finta di niente?

Ogni azienda deve decidere a priori la sua strategia o la strategia che reputa più opportuna per i suoi azionisti o per i suoi consumatori.

Le aziende iniziano a mettere la faccia dei propri fondatori/manager nelle pubblicità, quando le cose vanno bene ma sono già pronte a mettere la faccia quando le cose vanno male?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *