Lezioni di noia (20 minuti di noia pura)

Interessantissima l’intervista su Radio 3 a Pennac dove racconta come da professore abbia fatto lezioni di noia, abbia insegnato la noia, abbia assegnato come compito a casa 20 minuti di noia pura.
Il silenzio, la solitudine, la lentezza, la noia come un utile strumento per riscoprire se stessi.
La vera rivale dei professori è la super occupazione dei giovani, il loro frenetico desiderio di consumo (scatenata televisione e marketing nella culla per trasformare il giovane in un cliente uguale all’adulto), la musica continua (come flebo).
La maturità commerciale dei giovani può dare l’illusione di una maturità reale (intellettuale, psicologica e affettiva) ma è falso!
I bisogni fondamentali: leggere, scrivere, ragionare, contare hanno bisogno di lentezza e pazienza ma aprono a piaceri immensi (capire).

Leave a Reply