YouTube su Google Maps

Questa idea/applicazione è incredibile!
Ho già scritto in precedenza sulla possibilità di utilizzare le Google Maps API con cartografie differenti (ad es. in MapWoW).
Ora immaginate di fare una mappa costituita di preview di filmati di YouTube in modo tale che cliccando sull’area parta il filmato YouTube.
Eccovi Youtube Slideshow on Google Maps!
map.fkoji.com/youtube/

Rovigo: poco da vedere, meno da leggere

A Rovigo dal punto di vista del patrimonio artistico c’è poco da vedere.
Forse non in senso assoluto ma sicuramente in senso relativo.
Diciamo che la vicinanza di Venezia, Padova, Verona, Vicenza, Mantova, Ferrara e Bologna certo non agevola!
Da questo punto di vista probabilmente sarebbe stato meglio cercare di entrare a far parte non di una regione italiana a statuto speciale ma piuttosto di una nazione del nord america.
In questo caso, ad esempio, La Rotonda sarebbe subito diventata la più importante chiesa del Canada o degli Stati Uniti!
Unica altra possibile alternativa è la costituzione di un microstato tipo lo Stato del Delta anche in questo caso La Rotonda diventerebbe la chiesa più importante dello stato tutto.

C’è poco da vedere e meno da leggere come dimostra anche la seguente fotografia!
Poco da vedere, meno da leggere

Intel: nuova isola Second Life

Da molto è presente IBM che sembra abbia già 300 programmatori SL!
E’ presente AMD non poteva certo farsi attendere Intel!

Al momento ho fatto qualche fotografia di spazi vuoti.
Spero presto di darmi maggiori informazioni operative!

Eccovi l’isola Intel dall’alto
Intel: l'isola Second Life dall'alto

La descrizione dei servizi presenti
isola Second Life Intel: i servizi

Uno spazio interno
Intel Second Life: uno spazio interno

Lo SLURL

Film & Phone Festival

Ieri pomeriggio ero a Milano allo IULM.
Per l’esattezza in aula 503 nella giuria del premio Film & Phone Festival.
Eccovi i membri della giuria:
Luca Guadagnino (regìsta), Gianni Canova (professore IULM e direttore Duellanti), Saul Saguatti (videoartista), Cristina Tagliabue (giornalista Sole 24 Ore – Nova) e Fabrizio Pivari (consulente Internet Marketing e nuove tecnologie).

Abbiamo assegnato i premi e festeggiato con i vincitori.

  • Primo Premio della Giuria per il miglior filmato a Ci vediamo al bar di Paolo Garagnani e Marco Davi
  • Secondo Premio della Giuria per il miglior filmato ex-aequo a Vediamoci nel futuro di Federico Anastasi e a Dal tuo punta di vista di Francesca Talò.
  • Primo Premio del Pubblico per il miglior filmato a La pazienza è la virtù dei forti di Daniele Balboni.
  • Secondo Premio del Pubblico per il miglior filmato a Have Some Fun di Michele Bizzi e Carlotta Fait.
  • Spero a breve di avere l’autorizzazione per mostrarvi i filmati premiati!

    Google Maps con fotografie!

    Ora in Google Maps vi è nelle principali città americane la possibilità di vedere fotografie della zona.

    Qui una demo di San Francisco.
    Troverete una nuova tipologia di marker con sopra un omino, spostandolo vedrete la fotografia relativa a quella posizione!

    Riscopriamo l’Adigetto!

    Come ho sempre affermato il punto di forza di Rovigo è quello di essere una città a dimensione di bicicletta non solo per le dimensioni ridotte della città ed il poco traffico ma soprattutto perché la bicicletta è utilizzatissima come mezzo di trasporto dalla cittadinanza e di conseguenza anche gli automobilisti li rispettano.
    Sicuramente un fiore all’occhiello è la pista ciclabile cittadina lungo l’Adigetto.
    E’ una bella pista ciclabile, illuminata e durante il weekend molto frequentata anche da passeggiatori, corridori, … podisti in genere.

    Purtroppo sembra che nessuno abbia mai osservato il fatto che la pista ciclabile e la passeggiata sono così belle perché lungo l’Adigetto.
    L’Adigetto è sempre stato il vero valore di Rovigo, soprattutto quando passava in centro.
    L’Adigetto era la via d’acqua per arrivare a Chioggia prima della ferrovia.
    Possibile che oggi l’unico modo di valorizzare l’Adigetto sia coprirlo, in parte, per fare parco?

    Appena fuori della città sull’Adigetto ho fatto con amici anche di Padova delle splendide pescate no kill.
    Ma questo non può essere il grimaldello che permetta alla popolazione Rodigina di riscoprire l’Adigetto.

    Ho da poco iniziato a fare canoa turistica a Bosaro e recentemente alla festa di San Bortolo abbiamo fatto canoa sull’Adigetto.
    Bellissimo.
    Ma anche questo non può essere il grimaldello che permetta alla popolazione Rodigina di riscoprire l’Adigetto.

    E allora?
    Eccovi l’idea e con pochi spiccioli spero che qualche volenteroso (magari tramite questo sito) o l’amministrazione possa dare una vera svolta:

    centinaia di persone il weekend passeggiano o pedalano su e giù ma esiste vicino alla città un chiosco nel parco dove potersi sedere, bere una bibita fresca e se scappa fare pipì?

    Ora immaginatevi un simile chiosco punto di incontro, aggiungetevi una spiaggia (un po’ di sabbia riportata con qualche lettino) e magari uno o più campi di beach volley e beach tennis (racchettoni).
    Aggiungetivi la possibilità gratuita di utilizzare per mezz’ora qualche pedalò.
    Avrete creato un richiamo trend per tutta la provincia e oltre.
    Avrete dato la possibilità ai rodigini di vivere l’Adigetto anche da dentro.
    Avrete fatto capire la necessità di sfalciare le rive e ripulire le rive da qualsiasi rifiuto.

    Ora a contorno basterà dare accesso anche a canoisti, a pescatori, …

    Riscopriamo l’Adigetto!
    Io il mio piccolo contributo l’ho dato con questo articolo e con un sito dedicato ora dai il tuo contributo almeno verbale (commenti, articoli, fotografie, …) su
    adigetto.tuaRovigo.org

    Il click fraud e l’auditing sul pay-per-click

    Il click fraud si sta rilevando uno dei fenomeni più incisivi sulle dinamiche di redditività degli investimenti pubblicitari online.

    Recentemente un’approfondita ricerca realizzata da ClickForensicâ„¢ ha rivelato un incremento generalizzato del fenomeno a livello mondiale, individuando nel 15% l’impatto medio dei click fraudolenti sul totale del fatturato di settore, con un aumento di oltre 20 punti percentuali rispetto a soli 12 mesi fa.

    Va tuttavia considerato che su alcuni settori ad alto tasso di competitività tra gli inserzionisti (come quello turistico o dei servizi web), i valori rilevati di Click Fraud salgono drasticamente, abbattendo così in modo netto il ROI atteso sulle campagne.

    Le responsabilità del Click Fraud sono da attribuire a diverse fonti:

    • Click robots
    • Competitors dell’inserzionista
    • Reti di contenuto, cioè partner dei fornitori del servizio adve benchè i controlli di Click Fraud Detection si stiano via via affinando, gli escamotage utilizzati dai Click Frauders sono sempre più efficaci (sostituzione dell’indirizzo IP successivamente al click, attesa del tempo di default del fornitore prima del click successivo, etc …).

    Vanno dunque adottate strategie apposite e strumenti dedicati per verificare in maniera sistematica il Click Fraud sui propri investimenti pubblicitari online.
    Dotare il proprio sistema di tracciamento di statistiche individuali, verificare i trend di traffico e di conversione, seguire gli 8 principi del Click Quality Council e disporre di una reportistica indipendente nel caso in cui si riscontri click fraud sui propri annunci sono alcune delle azioni richieste ai web marketing manager per marginare questo rischio.

    Le statistiche individuali ottenute tramite “cookie”, “IP” e “associazione anagrafica” consentono infatti di tracciare il comportamento del singolo visitatore, permettendo così di verificare in maniera dettagliata eventuali fenomeni di Traffico Anomalo attraverso l’analisi diacronica dei trend di traffico sui click a pagamento.
    Anche la verifica sui tassi di conversion dei diversi canali può costituire un indice abbastanza indicativo di eventuale Click Fraud.

    Recentemente, inoltre, il Click Quality Council ha indicato 8 linee guida utili a tutelare gli inserzionisti pubblicitari online:

    1. Non pagare i click ripetuti nella stessa sessione
    2. Non pagare il traffico derivante dai Bots
    3. Verificare dove, quando e come sono visualizzati i propri annunci pubblicitari
    4. Richiedere una gestione semplice ed efficace delle liste di esclusione di domini e indirizzi IP
    5. Richiedere al fornitore informazioni dettagliate su tutti i click addebitati.
    6. Non pagare per traffico con origini diverse da quelle definite nelle specifiche di geotargeting
    7. I fornitori dovrebbero adottare soluzioni di verifica indipendente sulla qualità dei propri click generati
    8. I fornitori dovrebbero fornire un meccanismo semplice per armonizzare il costo dei click su base mensile.

    Il disporre o meno di un’accurato report documentale in grado di testimoniare da un punto di vista tecnico l’effettivo click fraud subìto rappresenta quindi un fattore fondamentale perchè l’inserzionista possa sperare di ottenere dal fornitore un rimborso sul danno stimato.

    Il fornitore, che è da considerarsi quindi a tutti gli effetti anch’esso una vittima di questo fenomeno, può così verificare l’effettiva contestazione ricevuta, confrontando i propri dati di traffico con il report inviato dall’inserzionista, e procedere, eventualmente, al rimborso dell’addebito ingiustificato (solitamente attraverso click supplementari disponibili).

    Il rischio infatti di danneggiare la propria immagine, di deludere le aspettative di ROI dei clienti o di dover fronteggiare insidiose questioni legali, induce il fornitore a scegliere soluzioni di collaborazione con i propri inserzionisti, rispettando così la mission della loro attività: fornire utenza qualificata.

    In definitiva, fidarsi del proprio fornitore è bene, ma controllare è meglio …
    E meglio ancora è affidarsi a sistemi affidabili ed indipendenti di click fraud detection, in grado di ottimizzare realmente il ROI sui propri PPC.

    Giovanni Quaglino
    Marketing Manager – SitoVivo srl

    Grande Milan! ed è subito festa!

    Dopo aver visto la vittoria del grande Milan in Champion League anche in Second Life è stata subito festa (grazie anche alle nostre bandiere e magliette che hanno dato un po’ di colore in più)!

    Vicino al nostro chiosco, ecco cosa è successo in piazza
    Festa per il grande Milan in piazza SL
    ed in discoteca
    Festa per il grande Milan in discoteca SL