Il monumento alla panchina

A San Martino di Venezze ci sono almeno tre monumenti alla panchina sulla sponda dell’Adige.
Due completi di illuminazione e più vicini al paese, uno ancora senza.
Non confondeteli con normali panchine, altrimenti non vi sarebbe una poesia messa in modo tale che si possa leggere guardando il monumento (e non seduti sulla panchina ed ammirando l’Adige).
Queste le tre poesie:
Amico Adige
Amico Adige
che guardi il sole raggiante
e che corri in posti lontani,
veglia i campi
e il bel verde paese
tra gli uccelli allegri
e senza pensieri.

San Martino
Qui la nebbia è senza irti colli
ma lo stesso piovigginando sale.
Qui non urla e non biancheggia il mare
ma c’è l’Adige che sembra respirare.
Qui ci si conosce tutti
con soprannomi belli e brutti.
Io come Carducci, non so poetare
ma il mio paese t’invito a visitare.
Qui non c’è solo cemento
si può ancora correre e giocare
crescendo nel sano divertimento.

Sulla sponda dell’Adige
Tutto da lassù
sembra piccolo
il mio paese un presepe.
Le nuvole corrono veloci
specchiandosi
nel fiume Adige.
Ci sembra di essere
su un tappeto volante
che ci trasporta
seguendo i battiti d’ali delle farfalle.

Leave a Reply