Un valido motivo per passeggiare sul corso

Rovigo è una cittadina a dimensione umana (forse a dimensione troppo umana per adolescenti e cosmopoliti).
In una città così ridotta vi è un immenso Corso del Popolo, al momento pedonale, che sembra fatto per essere riempitio di masse festose.
Ma al momento è vuoto e desolato: un deserto urbano.
Bei lampioni, bel porfido, bei cubi, niente colori, niente verde, pochissima gente, negozi vuoti.
Eppure alcuni segnali di come potrebbe diventare si sono visti la domenica. Io ho in mente una manifestazione della FIAB, bancarelle ed il corso brulicante.

Certo non è sempre domenica e non è sempre festa!

Perché una persona di Rovigo o dei paesi limitrofi o delle provincie limitrofe o dall’estero dovrebbe venire a Rovigo ed una volta a Rovigo perché dovrebbe passaggiare in Corso del Popolo?

Corso del Popolo non è via della Spiga o via Monte Napoleone.
I monumenti di Rovigo sono La Rotonda e …
I musei di Rovigo sono Il museo dei Grandi Fiumi e …
Le mostre di Rovigo: a Palazzo Roverella: Piazzetta, …
Quindi?

Forse bisognerebbe portare l’arte fuori dai musei, portarla in corso del Popolo e nel giardino del Castello.
Basterebbe fare in centro l’esposizione di sculture di un artista contemporaneo (10 – 15) con la promessa di acquisirne una a fine esposizione, creando così nel medio lungo termine un museo all’aperto.
Non è certo un’idea innovativa e se sono gia riusciti a fare qualcosa di analogo a Catanzaro, San Donà di Piave, Lugano, Pietrasanta, Campomaggiore, …
Forse all’inizio basterebbe radunare quelle poche sculture giè presenti a Rovigo o in provincia.

Forse bisognerebbe portare i parchi giochi fuori dai parchi.
Ovvero basterebbe mettere scivoli, altalene, … in corso del Popolo (ovviamente con apposito tartan di protezione) per creare attorno movimento di bambini e genitori.

Forse bisognerebbe portare le fiere fuori dalle fiere (la fiera di ottobre mi sembra un valido esempio).

Forse …

Sicuramente qualcosa bisogna fare!

Leave a Reply