Un valido criterio è identificare le lingue più parlate al mondo ed imparare una di quelle. Se non le conoscete (se non le avete mai cercate) queste sono le cinque lingue più parlate al mondo in base ai madrelingua:

  1. Cinese mandarino. Abitanti madrelingua: 848 milioni.
  2. Inglese. Abitanti madrelingua: 414 milioni.
  3. Spagnolo. Abitanti madrelingua: 410 milioni.
  4. Hindi Urdu. Abitanti madrelingua: 324 milioni.
  5. Arabo. Abitanti madrelingua: 237 milioni

Ovviamente l’inglese è parlato da molte persone non madrelingua quindi se dovessimo scegliere in base a questa classifica la scelta ricadrebbe ovviamente sull’inglese, quindi sul cinese mandarino se si crede in una continua espansione della potenza cinese. Una scelta ancora controcorrente sarebbe l’Hindi Urdu.

E se considerassimo non solo le lingue parlate dagli umani?

Non conosco i numeri reali ma penso che già oggi mediamente ogni persona abbia almeno 2-3 computer considerando come computer tutto ciò che è dotato di cpu e che ha un sistema operativo (quindi smartphone, tablet, computer di bordo di automobili, aerei, navi, autobus, smart tv, alexa, tutti gli scatolotti di connessione internet e tutti i futuri elettrodomestici, tutti i server, apparati di rete, …).

Non sarebbe meglio conoscere prima di tutto almeno una lingua dei computer? Conoscere un linguaggio di programmazione?

Molti anni fa mi dissero che in India, fin dalle elementari, oltre l’inglese si insegnava il visual basic, avevano visto lungo 😉
Oggi iniziamo ad introdurre scratch.

P.S. Non sono riuscito a convincere nemmeno le mie figlie, sono sicuro che questo post non avrà nessun effetto.

P.S. P.S. A breve sarà sufficiente conoscere una sola lingua e solo parlata (la scrittura è morta), purtroppo può darsi che anche i programmi saranno sempre meno scritti direttamente da umani (es. crea un programma che prende in input due variabili, una intera e l’altra testo, e …)

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *