In un mondo globalizzato com’è l’arredamento di casa tua?

lampadario-di-design-o-lampadario-di-arteIn un mondo globalizzato com’è l’arredamento di casa tua? è sicuramente una domanda banale.
E la risposta potrebbe esserlo ancora di più: come tutti, in tutto il mondo, vado all’IKEA e compro quello che mi serve.
L’apertura ieri del nuovo Ikea Center di Brescia (ELNÒS) conferma questa espansione inarrestabile delle multinazionali dell’arredamento, come lo è stato in tutti i settori: alimentazione, vestiti, automobili, elettrodomestici, costruzioni, …
Ma è anche vero, che avendo tempo e voglia, l’offerta non è mai stata così estesa e variegata.
Sono disponibili oggetti d’arredo da tutto il mondo, di tutti i generi.
Mobili di design e mobili d’arte. Mobili nuovi, mobili di modernariato e di antiquariato. Mobili “d’arte povera“, arredamento shabby, mobili cinesi, arredi decoupage, …

La scelta è infinita, cosi vasta che per non fare la fine dell’asino di Buridano spesso tutti comprano le stesse cose.

Infatti sebbene vi sia tutta questa scelta il mondo è sempre più uguale.
Andare all’estero spesso è sempre più simile a stare a casa. Le città sono molto simili, le persone si vestono in modo simile, si mangia sempre più nello stesso modo. E’ vero ci sono aree “meno ricche” ancora molto diverse (sempre meno) ma la loro ambizione è diventare ricchi per poter fare come noi.
Bere vino, mangiare carne, andare in macchina, avere l’aria condizionata e il riscaldamento, sposarsi in bianco, fare vacanze in resort, …

Leave a Reply