L’arte dello scrivere si insegna come ogni altra arte

L’arte dello scrivere si insegna come ogni altra arte

Una tecnica umile
Noi dunque si fa così:
Per prima cosa ognuno tiene in tasca un notes.
Ogni volta che gli viene un’idea ne prende appunto. Ogni idea su un foglietto separato e scritto da una parte sola.
Un giorno si mettono insieme tutti i foglietti su un grande tavolo. Si passano uno a uno per scartare i doppioni. Poi si riuniscono i foglietti imparentati in grandi monti e son capitoli. Ogni capito si divide in monticini e son paragrafi.
Ora si prova a dare un nome ad ogni paragrafo. Se non si riesce vuol dire che non contiene nulla o che contiene troppe cose. Qualche paragrafo sparisce. Qualcuno diventa due.
Coi nomi dei paragrafi si discute l’ordine logico finché nasce uno schema. Con lo schema si riordinano i monticini.
Si prende il primo monticino, si stendono sul tavolo i foglietti e se ne trova l’ordine. Ora si butta giù il testo come viene viene.
Si ciclostila per averlo davanti tutti uguale. Poi forbici, colla e matite colorate. Si butta tutto all’aria. Si aggiungono foglietti nuovi. Si ciclostila un’altra volta.
Comincia la gare a chi scopre parole da levare, aggettivi di troppo, ripetizioni, bugie, parole difficili, frasi troppo lunghe, due concetti in una frase sola.
Si chiama un estraneo dopo l’altro. Si bada che non siano stati troppo a scuola. Gli si fa leggere a alta voce. Si guarda se hanno inteso quello che volevamo dire.
Si accettano i loro consigli purché siano per la chiarezza. Si rifiutano i consigli di prudenza.
Dopo che s’è fatta tutta questa fatica, seguendo regole che valgono per tutti, si trova sempre l’intellettuale cretino che sentenzia: Questa lettera ha uno stile personalissimo.

Oratorio Notturno, sulle orme di don Milani

Quando penso all’oratorio mi viene in mente don Milani, non so se esistessero anche prima, sicuramente vi era una forte necessità di togliere dalle strade ragazzi e farli giocare in luoghi più idonei.
Non che oggi non vi sia bisogno di oratori, anzi, il problema è oggi diverso: i ragazzi non sono più per strada, spesso sono catodizzati (anche se non esiste più il tubo catodico) e sempre meno davanti alla TV sempre più davanti a videogiochi, smartphone e pad.
Ma se sentendo le notizie di questi giorni penso vi sia un urgente bisogno, soprattutto d’estate, di un oratorio notturno, un luogo dove divertirsi la notte in modo sano.

Penso non esista ancora niente di simile, penso non esista un’offerta alternativa.