Servi felici di servire

Quanto c’è di più lontano dalla contemporaneità. Nessuno vuole essere servo e se si sentisse tale, succede ancora spesso, nessuno sarebbe felice di servire.

Inoltre, perché cercare gratificazioni in tutto quello che si fa. La gratificazione è già nell’averlo fatto non nel sentirselo dire.

Quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: […] “Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”.

Categories
domenica

Le tre tentazioni del diavolo: ricchezza, potere, supereroi

Rileggendo il vangelo di Luca delle tre tentazioni del diavolo in ottica contemporanea a me sembra che la prima (il riuscire a trasformare una pietra in pane) possa essere identificata nella ricchezza, la seconda (ti darò tutti i regni della terra) nella potere e la terza (gettati gli angeli ti custodiranno) nel diventare un super-uomo, un dio, nella volontà di onnipotenza.

I film attuali, i videogiochi, …, specchio della società attuale, sono questo: ricchezza, potere, supereroi.

Categories
domenica

Salvare ciò che era perduto

Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a salvare ciò che era perduto.

Categories
domenica

Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto

Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi da tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi.
[…]
E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui?

Categories
domenica

Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti

In quel tempo, Gesù disse ai farisei:
«C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe.
Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: “Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma”.
Ma Abramo rispose: “Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi”.
E quello replicò: “Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento”. Ma Abramo rispose: “Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro”. E lui replicò: “No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno”. Abramo rispose: “Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti”».

Categories
domenica

Il bambino cresceva e si fortificava

Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

Categories
domenica

Ricordati di me quando entrerai nel tuo regno

“Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno”.
Gli rispose: “In verità io ti dico: con me sarai nel paradiso”

Categories
domenica

Nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto

Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello dal vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita.

Categories
domenica

Fede quanto un granello di senape

Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sradicati e vai a piantarti in mare” ed esso vi obbedirebbe.

Categories
domenica

Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta

Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne. Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra? Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza.