Libertà digitale o libertà dal digitale? #digitalfreedom

Libertà digitale può semplicemente voler dire non farsi tracciare, può semplicemente voler dire comprare un prodotto come F-Secure FREEDOME anche se pubblicizzato come libertà reale re-publica.de (into the wild).
Questi i 4 punti della libertà digitale (digital freedom):

  1. Libertà dalla sorveglianza di massa
    Le due grandi innovazioni dei nostri tempi, i cellulari e Internet, si sono trasformati in strumenti di sorveglianza e controllo pronti per essere usati contro di noi. E il problema di programmi come PRISM – il programma di sorveglianza elettronica usato dalla National Security Agency (NSA) fin dal 2007 – è che non sorvegliano solo individui sospettati di crimini. Vengono spiate anche persone che i governi ritengono innocenti.
  2. Libertà dalle persecuzioni digitali
    Potreste pensare di non avere nulla da nascondere. Ma le cose col tempo possono cambiare, nessuno può saperlo. Oggi è meno costoso conservare i dati per sempre piuttosto che distruggerli. Cosa accadrebbe se alcuni aspetti della vostra attività online d’oggi fossero usati contro di voi in futuro? Nessun cittadino rispettoso della legge dovrebbe vivere con questa paura.
  3. Libertà dalla colonizzazione digitale
    Le tecnologie stanno cambiando profondamente il nostro mondo a una velocità impressionante. Ma solo perchè qualcosa è tecnicamente possibile ciò non significa che debba entrare nella nostra vita ed essere accettato ciecamente.
  4. Libertà digitale di accesso, movimento e parola
    Nessuna organizzazione governativa dovrebbe interessarsi a ciò che diciamo e scriviamo in privato e dovremmo lottare per la libertà di accesso alle piattaforme, per la libertà di movimento e di parola.

La libertà digitale è ben poca cosa rispetto alla libertà vera, alla libertà dal digitale (repubblica di Bosgattia).

Leave a Reply