Per quale ragione noi italiani continuiamo a credere che la cultura sia la molla scatenante del turismo? Su quali basi?
Inoltre siamo veramente così acculturati pur essendo tra le ultime nazioni europee per numero di libri letti e non oso immaginare per ebook?

Se guardiamo al passato le molle principali del turismo in Italia erano obblighi.

Se sei un buon cristiano devi andare almeno una volta nella vita a Roma.
Più recentemente il servizio di leva era l’unica occasione per molti di allontanarsi da casa, entrare in contatto con altre culture, poter visitare nuove città, fare turismo.

Oggi gli obblighi continuano ad essere una delle principali molle del turismo. Pensiamo ai trasferimenti di lavoro e ai trasferimenti per cure mediche (più o meno serie comprendendo le termali, riabilitative, allergiche, estetiche, …).

Probabilmente molla principale del turismo è quello che si indicava con svago, che potrebbe anche ricadere negli obblighi: fuggire dalla vita frenetica per evitare malattie come lo stress e altre.

Una volta si diceva cambiare aria.

Spesso può voler dire andare in parchi divertimento, andare al mare, in campagna, in montagna, fare passeggiate, andare a manifestazioni sportive, musicali, andare in ristoranti, in cantine, a fare la vendemmia, a pescare, a fare shopping, …

Certo se poi c’è l’occasione, ben venga la visita alla chiesa, al museo, alla villa, alla città d’arte, …

Difficilmente però, oggi, si parte da casa per fare una vacanza culturale senza svagarsi. Lo svago deve essere al centro. Divertirsi è fondamentale.

Non c’è niente di peggio che cercare una vacanza lontana, con tante, troppe attese, che per futili motivi “fallisce”, per un imprevisto: un ritardo o sciopero di treni e aerei, una slogatura, un’influenza, una foratura, un albergo non come nelle attese, un ristorante pessimo, sporcizia, …

Piccole cose che nella vita quotidiana accettiamo senza problemi che in pochi giorni di vacanza diventano tragedie.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *