La musica di Cris Wang: Quanto vuoi? venti euro

Quanto vuoi? Quanto vuoi? venti euro è il ritornello del tormentone di Cris Wang e l’unica frase comprensibile se non si conosce il cinese.
Questo ragazzo torinese è sicuramente da seguire (racconto il sogno di diventare ricco, parlo di vestiti firmati e della bella vita)

parla bene, pensa bene, agisci bene: Zarathuštra

Lo Zoroastrismo (definito anche Zoroastrianesimo o Mazdeismo) è una religione e filosofia basata sugli insegnamenti del profeta Zarathuštra (o Zoroastro) ed è stata in passato la religione più diffusa dell’Asia. Fu fondata prima del VI secolo a.C. nell’antica Persia (attuale Iran). Wikipedia

parla bene, pensa bene, agisci bene è il principale motto e riassume la filosofia zoroastriana.

Ci sono luoghi da sempre magici

Ci sono luoghi da sempre magici, non ci avevo mai fatto caso, ho imparato ad apprezzarli in Bulgaria.
Beglik Tash è una specie di antico santuario Trace. Probabilmente un luogo sacro, sperduto in mezzo un bosco. Di posti così ce ne sono tanti, di molti si è perso traccia, molti poi sono stati riconvertiti con il passare dei secoli, con il cambio di popolazioni, civiltà, religioni, …
La cosa strana è scoprirli “vicino a casa”, in posti dove pensavi non vi fosse niente di significativo.
Da tanti anni vado a Pavullo nel Frignano. C’è vicino il Cimone, qualche bella chiesa, qualche bel castello, qualche bel ponte, … ma niente da lasciarti a bocca aperta.
Avevo sentito parlare di un ponte del Diavolo (ponte d’Ercole) ma pensavo si trattasse di quello di Olina. Un bel ponte del 300.
Incuriosito ho cercato su internet, ho visto che si trattava di un posto sperduto su una montagna, in mezzo ad un bosco, raggiungibile tramite un sentiero che parte vicino alla frazione di Monzone.
Incuriosito sono andato con Francesca.
Tornerò con più calma, era vicino Pasqua e c’era troppa gente, addirittura sede di grigliate per alcune famiglie.
Il luogo è misterioso come il ponte. Richiede silenzio totale.
In effetti si tratta di un monolite che ricorda un ponte, lavorato nei secoli dall’uomo.
Sembra che vi fosse vicino una sorgente e sembra che sia stato un luogo magico per il culto dell’acqua e fosse stato lavorato per avere una vasca d’acqua rituale.
Non so.
ASSOLUTAMENTE DA VEDERE e DA APPROFONDIRE!

Il castello di Torrechiara a Langhirano

Pensavo di aver già visto tutto dei castelli del parmense.
Avevo visto lo splendido castello di Fontanellato e di Soragna e la reggia di Colorno.
Mi mancava la vera perla: il castello di Torrechiara (Langhirano).

Bellissimo nel suo essere esternamente lo stereotipo del castello e per le sue sale affrescate tra cui la famosa sala d’Oro.

Il palazzo ducale di Sassuolo

Ci sono luoghi vicino casa spesso poco conosciuti, delle perle sconosciute.
Sono anni che vado a trascorrere qualche giorno tranquillo in Appennino, a Pavullo.
Solo ora inizio a conoscere questi territori ed i territori vicini.
Più volte mi è capitato di passare per Sassuolo. Da sempre la conosco come la città della ceramica e sinceramente la percezione che si ha sulla statale mette poca voglia di visitarla.
Anche entrando in città l’impatto non è certo dei migliori.
Andate a visitare il palazzo ducale di Sassuolo e non rimarrete delusi.
Non è un caso se è un museo nazionale (Gallerie Estensi).
L’impatto è subito favorevole ma sembra un piccolo palazzo, non certo una reggia. Invece è immenso.
Solo entrando e dalla terrazza capirete guardando la profondità, l’immenso parco e la pesciaia.

Bellissimo il salone delle feste. (Il Palazzo Ducale di Sassuolo è una delle più importanti residenze barocche dell’Italia settentrionale.)

IMPEDIBILE!

Una splendida opera di Jacob Sibbern sulla mia parete!

Ieri è passato a trovarmi Jacob Sibbern.
Siamo stati assieme qualche ora, mi ha fatto vedere i suoi nuovi lavori, le sue serie Blu Notte e Frammenti delle Origini.
In ogni nuova serie utilizza tecniche diverse, colori diversi, quasi stili diversi anche se poi alcune sue tematiche ancestrali alcuni simboli ritornano.
Spero che anche quest’anno esponga a Rosolina Mare e che, affidi a me, come l’anno scorso, la comunicazione della sua mostra.
Ora sulla mia parete, gradito presente, una splendida opera di Jacob, la mia preferita della serie Rosolina Tiles realizzata appositamente per la mostra.

Riporto l’articolo uscito su Rovigo Oggi in occasione della mostra di Rosolina Mare: Fantastiche creazioni dalla Scandinavia al Delta

Creare l’esigenza della confezione, dell’involucro

Questo è lo scopo di tutte le aziende verso i loro prodotti (e anche specifiche tipologie di prodotto): creare l’esigenza della confezione, dell’involucro.
Mi vengono in mente due prodotti che non esistono quasi più nella loro forma originaria:

  • il sapone, è passato da solido a liquido, una volta si diceva compra un pezzo di sapone oggi compra un dispenser (con all’interno sapone). Quanti fanno la ricarica?
  • la schiuma da barba, si faceva con il pennello, il sapone era in scatolini di plastica anonimi.

Il problema più grosso è quando il prodotto diventa il consumatore.
Creare l’esigenza della confezione, dell’involucro