Il gioco del Robot-Plotter

Durante Pi Greco Rovigo, venerdì 17 marzo presso il Salone del Grano due miei interventi alle 9.30 e 11.00 dal titolo
Il gioco del Robot-Plotter
Impariamo a programmare per conoscere la tecnologia

Una breve introduzione per ar capire che dietro ogni oggetto si nasconde un computer (IoT) e di conseguenza emerge la necessità di comprendere non solo la parte visibile ma anche quella nascosta (programmazione).
Tramite il semplice gioco del robot-plotter impareremo cosa significa programmare e realizzeremo il nostro primo programma visuale (Snap o Scratch).

Laboratorio per le scuole secondarie di primo grado, a cura di Fabrizio Pivari

Fast Food di pasta (corta): Pasta Flyer di Mark Ladner

Forse il primo vero fast food di pasta corta da un cuoco non italiano, Mark Ladner, ma innamorato dell’Italia e super chef di cucina italiana.

I condimenti: pesto, “marinara sauce” (?) e un ragù tradizionale con carne di suino e bovino (di solito mai abbinato alla pasta corta).
“Certo, voglio diffondere la cultura della pasta, ma da non italiano posso permettermi qualche eccezione all’ortodossia”.

Da Repubblica

Multinazionali del food: Kraft-Heinz comprando Unilever scavalcherebbe Nestlé

Sembra non andare in porto ma Kraft-Heinz comprando Unilever scavalcherebbe Nestlé diventando così la prima multinazionale mondiale del food!

La Stampa scrive in merito questi numeri 200.000 dipendenti, ricavi sopra gli 80 miliardi annui, e un valore complessivo di 240 miliardi.

Questi i dati che sono riuscito a trovare in internet delle prime 15 multinazionali del food

1 Nestlé 72,245 Dec. 14
2 PepsiCo, Inc. 66,683 Dec. 14
3 JBS 52,580 Dec. 14
4 Anheuser-Busch InBev 47,063 Dec. 14
5 The Coca-Cola Company 45,998 Dec. 14
6 Archer Daniels Midland Company 43,232 Jun. 14
7 Tyson 37,580 Sep. 14
8 Mondelez International 34,244 Dec. 14
9 Cargill 33,700 May 14
10 Mars 33,000 Dec. 14
11 Unilever 29,070 Dec. 14
12 Danone 28,545 Dec. 14
13 Kraft Heinz 28,000 Dec. 14
14 SABMiller 26,177 Mar. 15
15 Heineken 26,000 Dec. 14

fatevi stolti per diventare sapienti

Nessuno si illuda. Se qualcuno tra voi si crede un sapiente in questo mondo, si faccia stolto per diventare sapiente, perché la sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio.
Egli fa cadere i capienti per mezzo della loro astuzia.
Il Signore sa che i progetti dei sapienti sono vani.

Il primo ristorante cinarmonico

Camminando per Ferrara vedo su un locale la scritta Il primo ristorante cinarmonico
Bellissimo il termine cinarmonico, cosa significherà? Non l’ho mai sentito in italiano anche se armonia, cinetica, …
Poi mi accorgo che si tratta di un locale cinese arredato però all’europea e molto ricercato.
Oggi vado a vedere il sito, molto curato, ripropongono il termine cinarmonico ma senza realmente spiegarlo.
Io la reputo una valida strategia di comunicazione che andrebbe approfondita.

P.S. Incuriosito sono andato a vedere in internet i siti dei principali ristoranti cinesi ferraresi. Veramente ben fatti! Approfondirò.

Al MUVIG intervento “il POlesine con occhi diversi”

Dopo l’evento di apertura al MUVIG, con presenza di Marcello Toffanello (referente della Pinacoteca Nazionale di Ferrara, in sostituzione di Martina Bagnoli, direttore della Galleria Estense di Modena), Donata Samadelli, già responsabile MiBACT di VR, VI e RO ed i maggiori politici polesani domani un nuovo rilevante evento.
Musei pubblici e privati tra economia e turismo è il titolo del workshop riservato a operatori turistici commerciali culturali. I relatori sono Gloria Minarelli, Michele Danieli, Filippo Ferrari.
Avrò a disposizione 5-10 minuti per un intervento per inquadrare la rilevanza dei musei polesani per il turismo.

il POlesine con occhi diversi

Con internet i ragazzi non dialogano, monologano o chattano

Per me è stata una scoperta incredibile, le amiche di mia figlia non si telefonano, si mandano messaggi vocali via whatsapp. E mi sembra che il fenomeno sia esteso.
Non che non possano telefonare, i piani tariffari consentono sempre più minuti di chiamata, giga, inoltre wifi è sempre più liberamente accessibile ovunque.
E’ un scelta: i ragazzi, con la tecnologia, preferiscono non dialogare ma monologare se devono parlare altrimenti chat a go-go.