Le aziende più visitate in Second Life

Lo splendido articolo ha riportato le 10 aziende più visitate di Second Life.
Vi riporto le prime tre con le visite settimanali stimate per alcune considerazioni.

  1. The Pond 11,808
  2. IBM 7,368
  3. The L Word 4,932

I numeri non sono esagerati ma iniziano ad essere significativi.
Tranne IBM le prime tre aziende non sono quelle che ci saremmo aspettati dalle campagne media.
Le altre sette in ordine Greenies Home, Pontiac, The Weather Channel, Nissan, Playboy, Virtual Holland, ABC Island.

La domanda è d’obbligo: cosa bisognerà fare per avere visitatori Second Life?
Quali sono le strategie migliori di Second Life marketing?

Ultra Mobile Devices (UMD) il futuro di internet

Il futuro della rete (internet) potrebbe essere popolato dagli Ultra Mobile Devices (portatili costantemente connessi always-on suddivisibili negli Ultra Mobile PC e Mobile Internet Devices come l’iPhone).
Abi Research ne indica 95 milioni nel 2012!

Sarà!

Nel frattempo il signor Google ha già attivato AdSense e AdWords per cellulari!

Mettetevi nei miei panni

Abito da sei anni a Rovigo.
Ho sempre voluto fare qualcosa a Rovigo e per Rovigo.
SLcamp l’ho voluto fortemente e l’ho pensato subito a Rovigo.
Inizialmente l’avevo pensato ruspante. Un posto semplice, dove ritrovarci tra amici ed in maniera operativa. Poi mi son detto: il primo BarCamp nazionale su Second Life forse merita qualcosa di più.

Ho quindi preso accordi per farlo svolgere nel luogo meglio predisposto di Rovigo per le conferenze: la fiera con sale di taglio da 50 in su.
Ho preso accordi per associarlo all’evento informatico di Rovigo: la Fiera dell’informatica, elettronica e radiantismo.
Ho preso accordi per associarlo all’evento più importante di Rovigo: la Fiera (524° Ottobre Rodigino).
Ho chiesto il patrocinio comunale.

Accordi importanti ma l’ente fiera vuole soldi per le sale.
Ai parteccipanti volevo dare connessione internet wi-fi ma è a pagamento.
Ai partecipanti, che si sono già iscritti da tutta Italia, volevo almeno offrire un aperitivo.
Volevo fare campagna volantinaggio e manifesti.

Sono andato a cercare gli sponsor.
La reazione delle banche locali:
BarCamp?
Second Life?
noi di solito finanziamo sagre” e con importi molto bassi (200-300 euro).

Mi sembrava impossibile non trovare interesse in loco ed ero già entrato nell’ottica di cercare di spendere il meno possibile e metterli di tasca mia e far intervenire mia moglie per l’aperitivo.

Poi ieri mi arriva la seguente email:
A che punto sei con l’organizzazione del SLcamp?
Non potresti pensare di spostare la location a Firenze?
Abbiamo accordi con la stampa nazionale e sapremmo come far risaltare l’evento.
Noi vi ospiteremmo volentieri all’interno del Second Life Festival: ci saranno tutti (Gerosa, Cerboni, Benassi, Nicoletti. E pure un delegato della Linden Lab)
Il primo Second Life Festival è all’interno del Festival della Creatività…

http://www.festivaldellacreativita.it

Mettetevi nei miei panni.

Meglio un SLcamp casereccio pagato di tasca propria a Rovigo o un SLcamp a Firenze nella Fortezza da Basso all’interno del Festival della Creatività e collegato al Second Life Festival?

Viva l’SLcamp a Firenze!

RL Marketing, Internet Marketing, SL Marketing

Sabato alle ore 15.30-16.00 sarò al GhiradaBarcamp di Treviso.
Non è semplice per me muovermi con la famiglia e di sabato ma un Barcamp è sempre un valido momento di incontro, è vicino (Treviso), inoltre con la mia presentazione RL Marketing, Internet Marketing, SL Marketing vorrei anche invitare tutti all’SLcamp di Rovigo!
Sarà inoltre un’occasione ufficiale per presentare il progetto-gioco MSM

Vi aspetto numerosi!

Le slide dell’intervento

Gabetti: una chiaccherata con Matteo Penzo

Dopo aver seguito e pubblicato alcuni annunci di Gabetti mi ha fatto molto piacere poter scambiare quattro chiacchere (in effetti una chat skype) con Matteo Penzo.

D: I media hanno pompato fino a ieri SL ora iniziano a dire sta scoppiando la bolla, le aziende scappano e Gabetti?
R: Sai già (avendolo pubblicato sul blog) che abbiamo aperto delle posizioni come Agente immobiliare virtuale; questa operazione fa il paio (e supporta) un business plan Settembre-Dicembre MOLTO aggressivo (rilasceremo il 24 Settembre una nuova isola residenziale). Quindi: investimenti da parte del Gruppo Gabetti in aumento. Ti segnalo poi che per noi Luglio e’ stato il mese a maggior fatturato inworld nel periodo Marzo-Luglio. Dati che mi sembrano in netto contrasto con quanto comunicato in questo periodo dai media. La mia personalissima opinione è che le aziende che sono uscite ora da SL probabilmente avrebbero dovuto pianificare meglio la loro strategia di virtual business.

D: Non mi dire che l’attività SL di Gabetti è già in positivo?
R: Assolutamente; tieni però presente che il nostro è stato un ingresso inworld MOLTO accorto (la fase di analisi è durata da Luglio a novembre dello scorso anno) e ogni mossa è stata pianificata con cura. Proprio per questo abbiamo deciso per un progetto pilota che ci permettesse di valutare attentamente le potenzialità del mezzo. Pensa che il budget erogato ai bright five ad inizio progetto (250000 L$) non è praticamente MAI stato toccato in quanto sono riusciti ad autosostentarti con business che generava nuovo business.

Q: I risultati ad oggi ottenuti oltre a quelli finanziari?
R: Corretto riposizionamento del brand con una fortissima connotazione di innovation.
Creazione di un profondo know-how all’interno dell’azienda su tematiche virtual business.
Innovazione dei processi di vendita real world (l’isola che lanceremo a Settembre, Myrsine, è una replica di un cantiere RL che proprio il 24/9 vedrà i primi mezzi al lavoro) che verrà utilizzato sia per fare business virtuale che per permettere, ai clienti RL, visite immersive agli immobili (che saranno pronti nel 2009). Generazione di attenzione estera verso il marchio Gabetti (chi mai se lo sarebbe aspettato un articolo sul Washington Post e su CNN Money?)

Ho espresso il mio dubbio che probabilmente per il progetto … Google Earth era forse una soluzione più indicata.

Q: programmi a medio lungo termine
R: al momento riesco ad arrivare a fine anno. Attiveremo una serie di sperimentazioni, i cui risultati ci diranno come proseguire col progetto.
1) massiccia forza vendita inworld = crescita tendente a lineare del fatturato?
2) replica di immobili reali = miglior posizionamento del prodotto sul mercato? Queste sono le due domande fondanti a cui vogliamo dare risposta.

Q: al momento il tutto è in mano a tecnici, marketing, …?
R: in realtà direi che tutte le attività commerciali sono in mano alle due ragazze che capitaneranno le attività commerciali su SL, di cui una è un agente immobiliare, l’altra lavora per Human Resources & Organization. Il mio (IT) è un ruolo di strategia e supervisione e il marketing funge da supporto. Sono insomma rappresentati un po’ tutte le anime dell’azienda.

Ho fatto i miei complimenti a Marco!
Mi è sembrata la prima azienda italiana con idee chiare sull’utilizzo almeno a medio termine di Second Life.
Mi ripropongo di risentirlo a breve!

Vintage Workshop® Milano 11 settembre ore 15

Vintage Workshop® Milano dall’11 al 14 settembre 2007L’11 settembre alle ore 15 interverrò a Milano alla 10ª edizione del Vintage Workshop® presso l’Admiral Hotel (in Via Domodossola 16, di fronte alla Porta Domodossola di Fieramilanocity).
Angela Eupani, ideatrice della mostra sin dalla sua fondazione, mi ha chiesto un intervento e puntualmente come già in passato cercherò di dare il mio contributo.
Quest’anno parlerò di Second Life & Fashion.
Siete curiosi?
Intervenite numerosi (accredito in loco fino alle ore 14.30 ed inizio dei lavori alle 15.00).
Qui potete vedere le slide (che potrebbero cambiare fino all’ultimo secondo)
www.slideshare.net/pivari/second-life-fashion/

Rubare la paternita’!

La divulgazione del comunicato stampa Eugenio Riotto al Parco di Pinocchio a Collodi mi ha permesso di conoscere (solo via email anche se spero di riuscire ad accettare anche il suo invito di passarlo a trovare nel suo studio) un valido artista ed una persona squisita: Eugenio Riotto.

Visionando il suo sito sono rimasto ipnotizzato da paternità.

Eugenio Riotto: Paternità opera rubata
L’artista mi ha svelato che è forse la sua opera prediletta essendo autobiografica e su un tema generalmente inesplorato dal mondo artistico (e non solo).

Oggi ricevo un’email da Eugenio da cui estraggo alcuni pezzi che riporto fedelmente:

Mi è successa una una cosa bruttissima, questa notte nella mia corte regolarmente recintata con tanto di cancello, mi hanno portato via la (Paternità).
Opera, come sai, a me molto cara essendo autobiografica e l’unica dedicata ai miei figli. Purtroppo non è la prima volta. […]
Questo nuovo brutto episodio mi lascia profondamente ammareggiato, non tanto per il valore commerciale, quanto per il gesto di grande bassezza morale.
Viviamo in una società dove tutto è cosi tragicamente banale e dove credo il sentimento sia un valore cosi raro che mi viene da pensare se continuare a parlare d’amore sia la strada giusta.

E’ stata rubata la paternità!

Aiutate per quanto possibile Eugenio a diffondere questo post in modo tale che tutti possano sapere che al momento la Paternità se non è in suo possesso non è certo per sua volontà ma perché indebitamente sottratta evitando così a persone in buona fede di compare per errore Paternità.

Social Blogger

Blogger è la mia piattaforma preferita per creare e gestire blog.
Sono sempre attento a tutti i nuovi annunci su Blogger, sulle tendenze e sulle possibilità di interazione tra Blogger ed altri tool della famiglia Google.

Per questa ragione sono rimasto molto sorpreso dall’ultimo annuncio.
Riassumendo: Blogger ha potenziato la possibilità di navigare la parte user profile!

Stupito e basito!
Innanzi tutto perché la mia parte di user profile l’ho sempre trascurata anche se l’ho resa pubblica e vi ho introdotto le principali informazioni.
Mi rendo però conto che si tratta di un grandissimo errore per un professionista di Internet Marketing che voglia raggiungere il massimo della visibilità!
La corretta strategia sarebbe di iscriversi ad ogni servizio web e almeno compilare con attenzione la parte di user profile!

In secondo luogo perché visto che ho trascurato la mia mi sembra impossibile che altri invece abbiano potenziato la propria e magari chiesto a Blogger maggiori feature su quella parte.
E’ anche vero che, visto che i siti con il maggior numero di accessi sono quelli social come myspace, YouTube, Facebook non è una cattiva idea cercare di dare a Blogger un’impronta social!.