Categories
cibo

Mais in carburante no, potature si

Mi fa impressione vedere piante di mais trasformate in carburante. Non conosco la materia, immagino che quando viene raccolto non vi sia poi il tempo necessario per portarlo a produzione e che si tratti di un secondo raccolto, però mi fa ugualmente impressione.

Oggi però ho letto di un progetto per trasformare scarti della potatura dell’olivo in carburante. Evviva!

Sainc Energy Limited (Sainc), a London-based developer of biomass refineries, has entered into a definitive supply contract for 180,000 tons per annum of local olive tree prunings for its planned advanced bio-refinery at Villaralto, in Cordoba Province, Andalusia, Spain.
The bio-refinery will produce second generation (2G) ethanol alongside so-called crude lignin oil (CLO). The CLO will be purchased by Vertoro, a Dutch startup, which also developed the underlying technology. For the ethanol off take, it is currently in discussions with BP, Shell and Total.

The bio-refinery is expected to go into production by Q3 2022.

PS Esisterà qualcosa di simile anche per i vigneti?

Categories
giochi

Minecraft Earth: sta arrivando!

Sto aspettando Minecraft Earth e te non sei curioso?

Questo l’ultimo video appena uscito sul canale Minecraft.

Categories
bicicletta

Il tandem ideale si trasforma in tandem elettrico assistito

La bicicletta è sempre più assistita, un modo elegante per dire elettrica o a motore anche se non completamente perché si può selezionare l’assistenza desiderata.

Ho trovato questo bel disegno di tandem ideale allegato al comunicato della mostra BICI DAVVERO! Velocipedi, figurine e altre storie al Museo della Figurina di Modena che sarà visitabile dall’ 11 ottobre 2019 – 13 aprile 2020 ed ho subito pensato alla possibilità di trasformare il tandem ideale in un tandem elettrico assistito (da lei).

Categories
turismo

La cultura, molla del turismo?

Per quale ragione noi italiani continuiamo a credere che la cultura sia la molla scatenante del turismo? Su quali basi?
Inoltre siamo veramente così acculturati pur essendo tra le ultime nazioni europee per numero di libri letti e non oso immaginare per ebook?

Se guardiamo al passato le molle principali del turismo in Italia erano obblighi.

Se sei un buon cristiano devi andare almeno una volta nella vita a Roma.
Più recentemente il servizio di leva era l’unica occasione per molti di allontanarsi da casa, entrare in contatto con altre culture, poter visitare nuove città, fare turismo.

Oggi gli obblighi continuano ad essere una delle principali molle del turismo. Pensiamo ai trasferimenti di lavoro e ai trasferimenti per cure mediche (più o meno serie comprendendo le termali, riabilitative, allergiche, estetiche, …).

Probabilmente molla principale del turismo è quello che si indicava con svago, che potrebbe anche ricadere negli obblighi: fuggire dalla vita frenetica per evitare malattie come lo stress e altre.

Una volta si diceva cambiare aria.

Spesso può voler dire andare in parchi divertimento, andare al mare, in campagna, in montagna, fare passeggiate, andare a manifestazioni sportive, musicali, andare in ristoranti, in cantine, a fare la vendemmia, a pescare, a fare shopping, …

Certo se poi c’è l’occasione, ben venga la visita alla chiesa, al museo, alla villa, alla città d’arte, …

Difficilmente però, oggi, si parte da casa per fare una vacanza culturale senza svagarsi. Lo svago deve essere al centro. Divertirsi è fondamentale.

Non c’è niente di peggio che cercare una vacanza lontana, con tante, troppe attese, che per futili motivi “fallisce”, per un imprevisto: un ritardo o sciopero di treni e aerei, una slogatura, un’influenza, una foratura, un albergo non come nelle attese, un ristorante pessimo, sporcizia, …

Piccole cose che nella vita quotidiana accettiamo senza problemi che in pochi giorni di vacanza diventano tragedie.

Categories
turismo

La Toscana è una meta ambita per Capodanno

Penso di iniziare a conoscere la Toscana abbastanza bene. La costa e l’entroterra. Le città d’arte, le città minori e la campagna.

Ma anche non mai pensato alla Toscana meta per Capodanno.

Non so la ragione, abbiamo spesso trascorso il Capodanno in Appennino ed in famiglia o a volte in feste con altre famiglie sia in città che in campagna. Quindi perché non sfruttare un periodo di vacanza per festeggiare e visitare anche zone della Toscana meno conosciute?

Certo Firenze, Lucca, Siena, Pisa, San Gimignano, Pienza, la Val d’Orcia, la valle del Chianti sono visitate tutto l’anno ma penso siano meno prese d’assalto per Capodanno che rispetto al periodo estivo.

In ogni caso ci sono splendide città un po’ meno frequentate come Arezzo, Pistoia e i vicini splendidi appennini.

Ad esempio a me piacciono molto i luoghi di meditazione dell’Appennino aretino. Luoghi frequentati da eremiti e santi come Camaldoli (con l’eremo e il monastero dei camaldolesi) e il santuario francescano de La Verna.

Categories
film

Il film The Zero Theorem – Tutto è vanità

Mi sono imbattuto nel film The Zero TheoremTutto è vanità.

Gli attori sono di livello elevato, anche il regista (Terry Gilliam le mie conoscenze cinematografiche sono scarse).
Il film è ambientato in un futuro strano e colorato ma non felice.
La realtà reale sembra irreale, la realtà virtuale sembra reale e felice.
Film interessante, con notevoli spunti di riflessione, che non “prende” molto.

Categories
internet

Comprare in una Farmacia Online

Sebbene sia stato tra i primi in Italia ad utilizzare l’info-commerce valutando le modalità per effettuare il viaggio di nozze in Giordania stupendo l’agenzia e mettendola in crisi per l’acquisto “online” sulla fiducia sono rimasto un po’ al palo.
Non che non abbia più comprato online, anzi, ho sperimentato anche acquisti tramite portali internet cinesi ma su alcune tipologie di acquisti sono rimasto “tradizionale“.

Per acquistare articoli come articoli sanitari, prodotti omeopatici, prodotti veterinari e anche alimenti senza glutine, integratori alimentari e sportivi, articoli per bambini e neonati, prodotti per erboristeria e fitoterapia, profumeria e cosmesi, sono andato sempre fisicamente in farmacia senza pensare che online avrei potuto trovare tutto e approfittare con semplicità di speciali scontistiche grazie a codici sconto farmacia.
I codici sconto internet sono una invenzione internet molto utilizzata perché risultano semplici ed attrattivi per il navigatore/cliente. Le farmacie online, oltre a permettere risparmi, forniscono una scelta smisurata, una serietà che può essere verificata negli anni di presenza internet o tramite indagini dei commenti dei navigatori e clienti. Inoltre gli acquisti arrivano a casa senza dover fare code e spesso senza spese di trasporto.
Ovviamente se avete bisogno di un supporto, di parlare con qualcuno, di vedere qualcuno in camice bianco dovrete accontentarvi di chat, telefono o email.

Categories
aziende

L’azienda famiglia ha perso il manager famigliare a favore di un padre

Quando il consumismo viene estremizzato tutto diventa equiparabile ad una gestione aziendale.
La famiglia diventa un’azienda, la parrocchia diventa un’azienda, la scuola diventa un’azienda, i gruppi sportivi diventano un’azienda, le associazioni diventano un’azienda, …

Rifiuto la promozione a manager famigliare e gestore di risorse. Rimango genitore e padre

Categories
facebook internet

Perché mi inquieta la notizia Bloccati gli account Facebook e Instagram di Casapound

Ho appena letto la notizia “Bloccati gli account Facebook e Instagram di Casapound“. Forse bisognerebbe essere contenti invece sono molto inquietato e vi spiego la ragione.
Casapound è sicuramente una realtà rilevante e se Facebook e Instagram (che è di Facebook) possono senza problema rimuovere i loro utenti immagino cosa possono fare con tutti gli utenti normali.

Certo i social possono sembrare una cosa irrilevante ma se esiste un legge di Facebook che può comportarsi come crede a livello mondiale non sono tranquillo.

Soprattutto se pensiamo che la vita internet ha una sua connotazione sempre più rilevante nei confronti della sola vita reale.

La conclusione:
la legge internet al momento prevede leggi e legislatori differenti dalla legge reale.

Categories
security

Siamo pronti per difenderci da veri attacchi informatici?

Siamo pronti per difenderci da veri attacchi informatici? No.
Difendere una casa dall’attacco di ladri non è semplice ma non è in rete.
Difendere un’azienda da un attacco informatico di un reale malintenzionato che voglia attaccare non solo da remoto ma anche con altre modalità è veramente complesso quasi impossibile perché non siamo ancora pronti per considerare alcuni oggetti anche non sempre sicuri.
Leggete questi questi attacchi effettuati (comunicato pervenuto da Stormshield) ma senza panico.

  1. Alcuni ricercatori dell’università di Princeton hanno simulato uno scenario molto più concreto di quanto si pensi. In questo tipo di attacco, gli hacker prendono il controllo di dispositivi ad alto consumo energetico per destabilizzare la rete elettrica. Secondo questo studio basterebbero solo 42.000 bollitori per mettere fuori uso l’86% della rete elettrica della Polonia.
  2. Sempre in tema di attacchi veicolati tramite dispositivi impiegati nella rete domestica, hackerando delle babycam dei cybercriminali hanno potuto orchestrare un attacco di tipo denial of service distributo (DDoS) contro il servizio Dyn nel 2016. Sovraccaricando i server dell’operatore, gli hacker sono riusciti a rendere irraggiungibili per circa 12 ore numerosi siti tra cui i popolarissimi Twitter, Amazon e Airbnb. 
  3. Che campeggi sulla scrivania al lavoro o a casa, il mouse ha un aspetto davvero innocuo. Per questo motivo la Netragard ha avuto l’idea di hackerarne uno per installarvi un software spia. Spedito come pacchetto regalo ad uno degli impiegati, il mouse modificato è stato prontamente collegato al computer. In quattro e quattr’otto era connesso ad un server di terzi.
  4. In genere siamo consci del potenziale rischio rappresentato dagli stick USB che colleghiamo al nostro computer, ma sapevate che anche i cavi USB possono essere compromessi? Questo è solo per ricordare di fare attenzione a qualunque dispositivo USB ricevuto in omaggio ad un qualsiasi evento o che qualcuno vi ha prestato. 
  5. Degli hacker hanno utilizzato il termometro smart di un acquario per accedere ai dati del Casinò in cui era installato. Ciò dimostra ancora una volta che spesso le vulnerabilità si trovano in gadget di norma non contemplati nelle security policies aziendali. 
  6. Chi pensava che fax fossero defunti si sbagliava. Sono circa 17 miliardi i fax ancora inviati ogni anno, specialmente in ambito sanitario, dove si elaborano grandi volumi di dati sensibili. Un fatto che desta l’interesse dei cybercriminali, che sfruttano le vulnerabilità di questi apparecchi come strumento di accesso alla rete delle organizzazioni.