Federico Vicentini, Rovigo Comics, Livia

E’ trascorsa una settimana, è cambiato festival (Rovigo Comics), è cambiato protagonista (Federico Vicentini) ma la storia da raccontare sembra la stessa (Francesco Bruni, Festival Biblico Rovigo, Livia, animazione estiva).

Cercherò di descrivervi come un evento, che potrebbe sembrare un insuccesso, per alcune persone può diventare una svolta.

Giornata di caldo afoso insopportabile. Ore 18, location meravigliosa, il parco tra le due torri di Rovigo, purtroppo, nonostante gli alberi centenari, il sole filtra.

Livia, mia figlia, è presente per caso.
L’ho costretta ad uscire a forza, sebbene sia lei la lettrice di fumetti. E’ di scena Rovigo Comics. Tanti gli ospiti importanti, molti collegati da remoto. Dopo aver ascoltato l’anticipazione del nuovo film italiano su Diabolik e l’autore Enrico Pierpaoli, che ci aveva personalizzato la sua pubblicazione con un sketch con dedica, è sul palco Federico Vicentini.

Non è una star. A Rovigo Comics anni fa avevo sentito Milo Manara, ci avevo scambiato quattro chiacchiere e aveva realizzato in suo libro un sketch con dedica.
E’ un ragazzo. Ha le idee chiare e non è ancora un animale da palco.
E’ di Bottrighe ed ha già realizzato un sogno.

E’ disegnatore ufficiale Marvel e disegna l’Uomo Ragno.

Avrei voluto una platea piena di pubblico e di ragazzi delle scuole. In un momento post covid, i ragazzi hanno bisogno di vedere coetanei che partendo da una frazione riescono ad arrivare, a raggiungere la meta.
Eravamo in pochi, pochissimi.
Livia c’era, era gasatissima, speriamo che non voglia diventare anche disegnatrice!

P.S. Federico Vicentini pur essendo disegnatore ufficiale Marvel, causa covid, non ha ancora avuto modo di visitare la sede centrale dell’azienda per cui lavora.