La magia dei numeri, il mistero della matematica

A cosa serve la matematica? tutti gli studenti lo chiedono.
Tutti i professori, i genitori, … non fanno che elencare gli ambiti dove la matematica è la base per arrivare ad un a cosa non serve la matematica?.
Eppure se razionalmente è vero questo non certo ne agevola l’apprendimento, anzi.
Eppure la matematica non era certo un mero insieme di regole, la matematica era filosofia, era un modo di rappresentare, il matematico capiva i numeri ed i numeri erano magia, religione, mistero, rappresentazione del reale.

Pensiamo solo all’utilizzo dei numeri nella Bibbia, nella Cabala (ebraica), nella Smorfia (libro dei sogni).

Ho sempre trovato le leggi matematiche interessanti, intriganti, un universo parallelo dove tutto segue determinate leggi ma la svolta è stata segnata da una lezione pomeridiana su oggetti misteriosi al di fuori del programma scolastico, giochi matematici complessi dove fior fiore di studiosi, prima dell’avvento del computer, avevano perso anni della propria vita:
I QUADRATI MAGICI

Perdete qualche istante della vostra per cercare di costruire il più semplice, il quadrato magico 3×3.
Non cercate in internet, non usate calcolatrici, provate.
Disegnate una griglia 3×3 (3 file di 3 caselle per un totale di 9).
In nove quadratini di carta scrivete i numeri da 1 a 9 (1,2,3,4,5,6,7,8,9) e provate ad inserirli nella griglia 3×3 in modo tale che

  1. la somma delle righe
  2. la somma delle colonne
  3. la somma delle due diagonali

dia sempre lo stesso numero!

Non è complesso, qualche minuto, qualche ora, massimo qualche giorno ma quando l’avrete trovato capirete di aver trovato un oggetto magico, misterioso, religioso.

Provate a ruotarlo a capovolgerlo e continuate a verificare le somme.

Vi è sembrata un’esperienza ciclopica?
Ora provate ad immaginare la complessità di trovarne uno 4×4, 5×5, 6×6, … o di trovare tutti quelli possibili 4×4, 5×5, 6×6, …
Provate a trovare metodi.

Il quadrato magico 3×3 nella tradizione cinese è conosciuto come Lo-Shu
Esso è originario della Cina. Una delle leggende che lo riguardano dice che intorno al 2800 a.C. si ebbe una disastrosa piena del fiume Lo causata dall’ira del dio del fiume e che la popolazione offrì dei sacrifici al dio per far cessare il disastroso evento. Dopo ogni sacrificio dal fiume emergeva una tartaruga, ma la furia del fiume non si placava. Solo dopo vari tentativi un bambino si accorse che la tartaruga inviata dal dio aveva segnata sul guscio una rappresentazione del quadrato magico. Questo significava che il dio chiedeva un sacrificio di 15 entità e l’accoglimento del messaggio portò alla fine della piena. (Wikipedia)

2800 a.C.!

Leave a Reply