Marketing e comunicazione nell’arte: la maison Goupil

Oggi ho avuto modo di andare a vedere il nuovo evento di Rovigo: la mostra Il successo italiano a Parigi negli anni dell’impressionismo: la maison Goupil.
La macchina espositrice è matura e l’organizzazione è curata nei dettagli.
Per Rovigo i commercianti espongono belle locandine della mostra, la mostra ha un’itinerario forzato (tende impediscono di non seguire il percorso prestabilito), c’è la possibilità di iscriversi alla newsletter anche via smartphone, l’audioguida è molto valida, il personale è disponibile e competente, ci sono laboratori, biglietti a prezzi speciali e per occasioni speciali (ad es. ingresso gratuito alle signore per la festa della donna), …
La mostra è associata a quella di Padova Pietro Bembo e l’invenzione del Rinascimento Da Bellini a Tiziano da Mantegna a Raffaello e si può comprare un biglietto a prezzo speciale per entrambe.

Solo punti positivi?

Mi spiace non esista più un’appendice a Villa Badoer (Fratta Polesine). Negli anni passati la location palladiana aveva offerto validissime esposizioni, in un meraviglioso contesto anche se penso poco visitate anche per l’ubicazione.
Questa mattina ho pagato l’ingresso alla mostra solo 5 euro (prezzo speciale previsto per il martedi e mercoledì mattina) e la validissima audioguida 5 euro. L’audioguida, per quanto validissima, non può costare come l’ingresso alla mostra, il messaggio che viene recepito è che il lavoro che sta dietro all’organizzazione di una mostra è lo stesso che sta dietro alla preparazione di un’audioguida. E’ sufficiente scontare in quelle speciali giornate o meno la mostra o un po’ anche l’audioguida (ad es. 6 e 5 o meglio 5 e 4).
Non commenterò la mostra perché per me l’arte deve essere sperimentazione, una porta sul futuro.
Ho invece ammirato il ruolo del mercante Goupil, le sue strategie di marketing e comunicazione. Il suo saper piegare l’arte per raggiungere il suo obbiettivo: la vendita delle opere d’arte.
Illuminante l’opera di Eduardo Tofano Finalmente … Soli!: un bacio appassionato di due novelli sposi in un ricco salotto borghese, dall’artista intitolato Soli corretto da Goupil in Finalmente … Soli!
Un mercante che non solo seleziona le opere (ed i relativi autori) in base ai gusti della borghesia (lui sa che venderanno bene), ma che consiglia le tematiche, i titoli. Delle migliori opere esegue stampe di tutti le dimensioni e costi, in bianco e nero e colori, ritoccate a mano, …
Partendo da Parigi conquista il mercato americano. Una vera multinazionale di successo.

I poster dell’ottocento

Vivevi nell’ottocento, volevi un quadro alla moda, di un autore famoso ma proprio il tuo preferito era già stato venduto.
La Maison Goupil poteva risolvere il tuo problema con incisioni, litografie, fotopittura, fotografie, fotoincisioni delle opere di tendenza.
Difficile immaginare cosa potesse significare possedere l’originale.

Antonio Mancini - Il piccolo scolaro
Antonio Mancini, Il piccolo scolaro (Le petit écolier), 1876 c. – Olio su tela, Parigi, Musée d’Orsay

Mini lista degli italiani della Maison Goupil

Guardando nel CD presente nella cartella stampa della prossima mostra rodigina La Maison Goupil e l’ItaliaIl successo degli Italiani a Parigi negli anni dell’Impressionismo ho trovato alcune immagini delle opere che saranno esposte.
Vi propongo così una mini lista degli artisti italiani che saranno presenti:
Giovanni Boldini
Alceste Campriani
Antonio Mancini
Teofilo Patini
Gioacchino Toma
Vittorio Matteo Corcos
e forse
Giacomo Favretto
Federico Zandomeneghi

Vittorio Corcos - Le istitutrici ai campi Elisi
Vittorio Corcos – Le istitutrici ai campi Elisi

La Maison Goupil e l’Italia

La Maison Goupil e l’Italia sarà il titolo della prossima importante mostra che si svolgerà a Rovigo a Palazzo Roverella dal 22 febbraio al 23 giugno 2013.
L’annuncio è stato fatto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo svelando anche il programma per il 2014 e 2015.
Il sottotitolo: Il successo degli Italiani a Parigi negli anni dell’Impressionismo.
Non è facile trovare informazioni sulla Maison Goupil. Ecco cosa ho trovato in Wikipedia in francese in merito a Adolphe Goupil:
Adolphe Goupil (1806-1893) è uno dei più grandi commercianti d’arte ed editore di arte del XIX ° secolo.
Dal 1871 al 1885, ha avuto un contratto di esclusiva con il pittore Boldini.

La mostra immagino che sarà incentrata soprattutto sulla figura di Giovanni Boldini.
Mi toccherà andare a vedere anche il Museo Giovanni Boldini di Ferrara?