Vacanze in Cilento: da visitare assolutamente!

Non mi aspettavo molto dal Cilento. So che ogni zona d’Italia è meravigliosa e che andrebbe scoperta con calma. La guida non riportava eccellenze, non certo come la Costiera Amalfitana o la zona del Golfo di Napoli.
Inoltre non agevola il fatto che quando dici ad amici andremo in Cilento ti rispondano bellissima la Puglia!

Dove è ubicato Cilento?

E’ una zona a sud di Salerno, montuosa ma dotata anche di fertili pianure e spiagge sabbiose. Confina con la Basilicata (Maratea) e subito si entra in Calabria. La Lucania, che pensavo esclusivamente facente parte della Basilicata (Amaro Lucano) invece è parte anche in Campania. Vallo della Lucania è un po’ il capoluogo del Cilento ed è in provincia di Salerno.

Vacanze al mare

Sebbene sia una zona montuosa, patrimonio UNESCO, con il Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni e soprattutto famosa come zona di turismo marino e i luoghi più rinomati sono sicuramente Palinuro e Marina di Camerota che non sono nemmeno comuni ma piccole frazioni. Il mare è molto limpido e la costa è per tutti i gusti: spiagge lunghe e sabbiose, calette con ciotoli e scogliera.

La montagna

E’ pochissimo frequentata come i vari paesini, comunità montane. Il cibo in questi luoghi è eccezionale, campano ma di montagna. Quasi sempre le paste sono fatte in casa. Queste montagne carsiche sono ricche di grotte, sorgenti, fiumi sotterranei, cascate, …
E’ un vero tripudio della natura.

Esperienze indimenticabili

Contrariamente a quanto mi aspettavo dalle guide tanta sono state le esperienze indimenticabili in Cilento e molte non segnalate che consiglio caldamente a tutti.

Paestum di notte

Paestum come Velia sono due siti archeologici perle della Magna Grecia. Paestum sicuramente molto più famosa di Velia ma non molti sanno che in alcune giornate Paestum è visitabile anche dopo il tramonto e soprattutto che c’è un calendario di rappresentazioni di tragedie greche (teatro ai templi). Imperdibile!
http://www.museopaestum.beniculturali.it/calendario-eventi-2017-2/

Grotta azzurra di Palinuro

Da ragazzo avevo visitato la grotta azzurra di Capri. Mi ricordo ancora l’ingresso strettissimo effettuato in barca a remi e che quasi ci si doveva sdraiare nel barchino.
L’ingresso nella grotta azzurra di Palinuro non è così scenografico, si entra con una normale imbarcazione a motore però la luce azzurra della grotta non è certo da meno soprattutto se si ha l’accortezza di entrare verso le 3-4 del pomeriggio.

Lamparata a Marina di Camerota

La pesca alla lampara sta sparendo. E’ un antico modo di pescare dove un barchino con una potente luce attrae di sera banchi di pesce soprattutto azzurro per poi pescarli accerchiandoli con una speciale rete.
Peccato che quella notte vi fosse troppa luce lunare e la pesca non è stata abbondantissima ma il mare di notte è sempre un’esperienza unica (la Via Lattea si vedeva perfettamente visto che eravamo in un tratto di costa senza insediamenti umani). Poi siamo stati in una delle spiagge più belle di Marina di Camerota a mangiare il pescato fritto. Esperienza meravigliosa.

Cascate Capelli di Venere

Ho visitato tante cascate, molte meravigliose per l’imponenza, per il salto, per la possibilità di fare il bagno, per …
Le Cascate Capelli di Venere sono uniche. Non sono vere cascate, sono quasi un gocciolamento ma l’ambiente è magico.
Sono sicuramente uniche. Potrebbero essere sicuramente lo scenario di qualche film ed è bello immaginare la possibilità di farvi sotto una doccia.

Padula

La Certosa di Padula è sicuramente un capolavoro poco conosciuto. Ancora meno conosciuto è che all’interno vi hanno fatto importanti mostre di artisti contemporanei e purtroppo pochi giorni prima della nostra visita vi è stata una performance Vanessa Beecroft e pochi giorni dopo la nostra visita veniva inaugurata la relativa mostra!
Vicino alla Certosa di Padula dedicata alcuni minuti per visitare il battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonti. Immaginate la sensazione di entrare immergendo i piedi nella fonte e poi immergendosi sempre più per compiere un vero battesimo per immersione in una vera fonte/chiesa. A mio avviso, almeno pochi giorni all’anno si dovrebbe dare la possibilità di una tale esperienza.
Noi siamo andati a mangiare casereccio a Teggiano.

Vi è venuta voglia di Cilento?
Io tramite un amico ho trovato una validissima sistemazione ad Ascea ma potete trovarne anche altre telefonando a Mino o selezionandole nel suo sito di case per vacanze selezionatissime.
cilentoguesthouse.com

Avere il fiato sul collo per colpa di un parrucchiere greco!

Una volta si diceva Avere il fiato sul collo nel senso di subire una pressione da qualcuno che mette fretta e ci incalza su una scadenza lavorativa, un problema o … e sinceramente mi sembrava uno strano modo di dire destinato a sparire presto.
Oggi però sono andato da un parrucchiere greco.
Bravo, veloce, molto esperto.
Faceva un po’ impressione perché non era vecchio (non era comunque giovane) e gli mancavano tutti i denti superiori davanti.
Tagliava veloce i capelli lateralmente con la macchinetta e poi soffiava.
Avere il fiato sul collo per colpa di un parrucchiere greco!

La Grecia che non ti aspetti: la spiaggia di Zacharo, Peloponneso

Se pensi alla Grecia pensi al mare, pensi alle isole, pensi ad un caletta con il mare subito profondo di tutte le tonalità dell’azzurro blu.
La spiaggia di Zacharo in Peloponneso è la Grecia che non ti aspetti!
Km e km di sabbia, acqua bassa, cristallina ma sul verde.
Ti sembra di essere in una immensa piscina dove però, nuotando lungo la costa non riesci a toccare il bordo.
Tolto un bagno attrezzato con la musica e dove si gioca con rudimentali racchettoni (come i nostri di 15 anni fa sostituiti da quelli in fibra), nessuno per km e km.

Che sia un DELTA? 😉

P.S. Se per caso volete dormire una notte o più in queste zone vi consiglio caldamente il residence di Vakis.
vakis-apartments.gr

ITALIA emotional travel: oltre il turismo emozionale IL VIAGGIO

L’ITALIA, non Italy, è in grado di offrire turismo a tutti i livelli ma soprattutto emotional travel non solo perché i nostri paesaggi naturali, i nostri monumenti, le nostre città sono da commozione ma perché siamo mediterranei e da sempre, anche se ce lo stiamo dimenticando, siamo espansivi, simpatici, accoglienti.

Forse, invece di inventarci le cose più strane, per scopiazzare gli stranieri, sarebbe sufficiente tornare a suonare il mandolino, ballare la tarantella, sorridere, …, cose semplici che solo noi italiani sappiamo offrire e che gli stranieri amerebbero trovare più che servizi cinque stelle, ricezione cinque stelle, musei cinque stelle, …

Questa era l’italianità e per gli stranieri era fondamentale venire in Italia per la loro formazione.
Il Gran Tour non era la ricerca di un mondo come il loro o un mondo a 5 stelle.

Ma come possono venire a conoscenza che si possono ritrovare zone da Gran Tour se non tramite internet e la comunicazione internet?

[slideshare id=63094758&doc=italiaemotionaltravel-futour-fabriziopivari-160615125857]

Quanto spenderai in vacanza? Confronta i prezzi del pane!

Quanto spenderai in vacanza?
Partiamo da un confronto semplicissimo: il prezzo del pane.
Ai Lidi Ferraresi presso qualsiasi rivendita (i supermercati sono un discorso a parte) il prezzo del pane al chilo si aggira attorno ai 5 euro.
Nel Crotonese il prezzo del pane al chilo è di 2 euro (pane cotto a legna).

Meno del 50%.
Tenendo presente che i carburanti costano uguale è semplice concludere che il costo della vita è quasi meno della metà.

Rientro turchi vs rientro marocchini

L’anno scorso in Andalusia mi è capitato di vedere il grande esodo di rientro per le vacanze estive dei marocchini.
Targhe: soprattutto italiane e francesi.
Macchine: vecchi Mercedes o Peugeot
Portabagagli: multipiano con inserito all’interno di tutto, di più
In macchina: uomo alla guida, a fianco figlio più grande. Dietro moglie (con velo) con bambini più piccoli

Quest anno in Bulgaria mi è capitato di vedere il grande esodo di rientro per le vacanze estive dei turchi.
Targhe: tedesche, svizzere e austriache
Macchine: i modelli più nuovi e potenti di Audi, Mercedes e BMW
Portabagagli: gusci super aerodinamici e con gara a chi l’ha più piccolo
In macchina: spesso moglie alla guida con velo e occhiali da sole (molto eleganti). A fianco marito. Dietro bambini.

P.S. Da prendersi come osservazioni generaliste.