Castellammare del Golfo ed il suo golfo, nonostante la bellissima spiaggia sabbiosa, può essere ritenuto (erroneamente) un posto di serie B rispetto alle spiagge di San Vito Lo Capo o in generale della riserva dello Zingaro.
Più famose le spiagge di Scopello.
Però appena dopo il porto di Castellammare, se si riescono a trovare, ci sono delle cale meravigliose, con poche persone e generalmente frequentate solo via mare.
Cala Rossa, Cala Bianca e Fossa dello Stinco i loro nomi.
A cala Bianca ho conosciuto un istruttore di Campi Avventura che mi ha svelato l’accesso ad una bellissima grotta marina dove in sicurezza, sempre con un po’ di luce che filtrava (e quindi mai completamente oscura) e senza mai doversi completamente immergere (c’era sempre la possibilità di avere sopra la testa almeno 10-20 cm per respirare) si poteva entrare e dopo un bel lungo percorso con alcuni slarghi si usciva da una apertura differente da quella di entrata.

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *